Sanità

apr42017

Distribuzione, a Bologna si discute di nuovi modelli per valorizzare Dpc e convenzionata

 Distribuzione, a Bologna si discute di nuovi modelli per valorizzare Dpc e convenzionata

I canali distributivi dei farmaciforniti dal Sistema sanitario nazionalevanno ripensati con un ridimensionamento delladistribuzione diretta a fronte di una maggiore distribuzione per conto e più farmaci in convenzionata. Questo il tema oggetto dell'incontro che si terrà sabato 8 aprile a Bologna organizzato dalle Farmacie Comunali dell'Emilia Romagna aderenti ad Assofarm per affrontare le tematiche al centro dell'attualissimo dibattito sulla distribuzione dei farmaci con la partecipazione di esperti e politici che analizzeranno l'argomento sotto ogni punto di vista dando ai lavori una risonanza di carattere nazionale. «Il convegno» afferma Ernesto Toschi, coordinatore regionale Assofarm Emilia Romagna «si tiene a quattro anni di distanza dall'ultima giornata di studi sull'argomento, del gennaio 2013, in un momento particolarmente importante per la filiera del farmaco e si inserisce nel dibattito nazionale sulle modalità di dispensazione di farmaci Ssn, settore in cui si avverte la necessità di ricondurre a forme omogenee le numerose differenze che esistono ai vari livelli regionali, sia per quanto riguarda la remunerazione a pezzo dei farmaci, sia per quanto concerne la riduzione del numero dei farmaci a distribuzione diretta da parte delle Asl». Il convegno si aprirà con la presentazione della ricerca "La spesa farmaceutica a carico del Ssn. Comparazione tra accordi regionali e modalità di distribuzione", elaborata dallo Studio Antares di Forlì, seguirà la relazione su analisi e proposte di Nello Martini, direttore generale Drugs & Health srl. Il punto di vista del legislatore sulle problematiche legate ai farmaci verrà fatto da Federico Gelli, responsabile sanità. Previste due tavole rotonde, una dà la parola alla filiera con Annarosa Racca, presidente Federfarma nazionale, Salvatore Butti, Sr Directore BU Generics, OTC & Portfolio Teva Italia, Antonio Brambilla, responsabile assistenza territoriale Regione Emilia Romagna, Marcello Pani, segretario Sifo, Egidio Campario, Direttore FCR, Giunta Assofarm. La seconda passa la parola alla politica con Giuseppe Paruolo, consigliere regionale Emilia Romagna,Umberto di Primio, sindaco di Chieti, vicepresidente ANCI nazionale e l'onorevole Donata Lenzi, capogruppo Pd, XII Commissione Affari Sociali.
I saluti iniziali sono affidati a Franco Gariboldi Muschietti, presidente delle Farmacie Unite e a Massimiliano Fracassi, presidente Federfarma Bologna, mentre le conclusioni saranno di Venanzio Gizzi, presidente Assofarm e presidente Unione Europea della farmacie sociali. (SZ)


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Ansel - Principi di calcolo farmaceutico
vai al download >>

SUL BANCO