Sanità

mar192017

A FarmacistaPiù consegnati i Premi "Giacomo Leopardi" e "Renato Grendene"

A FarmacistaPiù consegnati i Premi Giacomo Leopardi e Renato Grendene
Consegnato, durante i lavori di FarmacistaPiù, il Premio allo studio "Giacomo Leopardi" che, con il contributo di Sanofi, intende affermare il valore della formazione professionale e l'impegno dei giovani, riconoscendo le migliori tesi di Laurea in Farmacia e CTF in tre ambiti specifici: farmaci biologici tra innovazione e sostenibilità; Pharmaceutical care, l'aderenza terapeutica per l'efficientamento delle terapie e il governo della spesa e, infine, l'antibiotico resistenza, best practices per la prevenzione, la sorveglianza e piani di monitoraggio e controllo.
Per la prima categoria il premio è andato a Eleonora Boattini, Alma Mater Studiorum Università di Bologna, per la tesi di laurea dal titolo «Modalità di utilizzo e profili di sicurezza delle eritropoietine biosimilari vs originator nella pratica clinica quotidiana in nefrologia in Italia: studio osservazionale e multicentrico», (relatore: Prof.ssa Patrizia Hrelia).
Per l'ambito Pharmaceutical Care: l'aderenza terapeutica per l'efficientamento delle terapie e il governo della spesa, è stata invece premiata Rossella Centola, Università degli Studi di Siena, con la tesi: «Analisi di sicurezza in corso di terapia con Anticoagulanti Orali nell' Azienda Ospedaliera Universitaria Senese», (relatore: Prof.ssa Marina Ziche).
Per la terza categoria ha ricevuto il premio Chiara Rossi, Università degli studi di Padova, per la tesi su «La gestione della terapia antibiotica nell'ULSS 20 di Verona: valutazione dell'appropriatezza prescrittiva e proposta di un nuovo modello razionale e multidisciplinare di gestione», (relatore: Prof.ssa Maria Cecilia Giron).
Il Premio allo studio, che valorizza la formazione professionale e l'impegno dei giovani, mantiene vivo il ricordo di Giacomo Leopardi, per 24 anni Presidente Fofi e ancora prima di Federfarma che - come è stato ricordato alla consegna dei premi - «ha saputo guidare con straordinaria autorevolezza e competenza lo sviluppo della professione del farmacista e della farmacia italiana».



Assegnato, anche, al termine della sessione Utifar di FarmacistaPiù, il Premio all'innovazione "Renato Grendene" che si propone di valorizzare e diffondere le migliori esperienze innovative realizzate dal farmacista nell'ambito dell'esercizio della professione, che abbiano determinato benefici per i pazienti e/o il miglioramento dei livelli di governance del comparto. Il premio, che si propone di facilitare la condivisione dell'esperienza così da permettere che le best practice possano diventare un modello replicabile, è stato assegnato a Paola Brusa con Luciani, Mana, Pagliacci, Pellegrini Calace, Ribecco per "La Farmacia dei Servizi per Il Controllo delle Patologie Croniche: Sperimentazione e Trasferimento di un modello di Intervento di prevenzione sul diabete tipo 2".
A Francesco Paolo Ettorre per "Farmacista collaboratore e biologo nutrizionista", a Silvia Lodi per "Studio sull'intercettazione delle interazioni farmacologiche nelle farmacie di Comunità" e Davide Sirago con "Carepy". Valorizzate, quindi, tra le esperienze pervenute quelle più meritevoli in termini di impatto sulla salute dei cittadini e/o sul miglioramento dei livelli di governance; grado di innovatività ma anche sviluppo professionale del farmacista e replicabilità del modello. Il Premio è intitolato a Renato Grendene che, nella sua vita professionale e istituzionale e nel ruolo Presidente di Utifar, ha saputo guardare al futuro del farmacista con grande lungimiranza. «Le sue idee - è stato ricordato durante le premiazioni - hanno contribuito a fare crescere la consapevolezza della necessità del rinnovamento della farmacia».

Rossella Gemma
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Giua - Inquadramento clinico e gestione dei disturbi minori in farmacia
vai al download >>

SUL BANCO