Sanità

set162016

Abuso tirocini, l'esperto: servono accordi tra Ordini ed enti promotori

Abuso tirocini, l’esperto: servono accordi tra Ordini ed enti promotori
Il tema dei "tirocini post laurea" ha occupato, nei giorni scorsi, le cronache professionali a proposito dei dati della regione Emilia-Romagna. A titolo sia personale come docente dell'Università di Bologna ma anche e soprattutto come presidente dell'Associazione Scientifica Farmacisti Italiani (Asfi), tengo a sottolineare un aspetto che appare di fondamentale importanza.

Premesso che i dati della regione Emilia-Romagna mostrano livelli, a mio avviso, preoccupanti per le ricadute occupazionali dei giovani farmacisti, sembra che il nodo resti quello deontologico sul quale la Federazione degli Ordini sembra non volere prendere una posizione precisa. Sono infatti ormai circa tre anni che, andando avanti questa situazione, la Fofi è stata sollecitata a prendere posizione anche in relazione a ben due circolari: una del 1988 ed una molto più recente del 2012 a firma del Sen. Mandelli, nelle quali viene additata come sfruttamento professionale, ai sensi dell'art. 18 del Codice deontologico, e quindi sanzionabile, qualsiasi attività svolta in farmacia da farmacisti iscritti all'Ordine che non sia retribuita o retribuita in modo forfetario, ancorché rivolta al conseguimento della pratica professionale biennale necessaria all'acquisizione di una farmacia. Credo però che sulla pratica professionale biennale, prevista dalla legge in alternativa all'idoneità mediante concorso, occorrerebbe fare un distinguo tenendo conto che, in molti casi, è lo stesso farmacista a chiedere di frequentare la farmacia anche a titolo gratuito.

La situazione a livello nazionale è piuttosto variegata, come anche si è potuto apprendere dopo il convegno organizzato dagli Ordini del Lazio lo scorso 22 giugno. Quello che emerge è che, solo con l'accordo tra Ordini ed enti promotori, per lo più Università, si può giungere ad una scelta professionalmente corretta. Così infatti è avvenuto in Piemonte dove il tirocinio è ammesso solo per i laureati non iscritti all'Ordine. Sembra infatti lapalissiano che chi è iscritto all'Ordine è un farmacista a tutti gli effetti e deve pertanto potere contare sulla tutela deontologica dal proprio Ordine. L'invito che Asfi rivolge alla Fofi è pertanto, ancora una volta, di esprimersi in maniera chiara su questa spinosa situazione che, se non risolta, può solo gettare un'ombra sulla professione. Sicuramente alcune questioni sono cambiate dal 2012 ad oggi e quindi sembra inderogabile farlo ora indipendentemente dalla situazione legislativa in evoluzione, come pure da quella finanziaria della farmacia che tutti conosciamo.


Maurizio Cini
Presidente Asfi
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO