Sanità

mar92017

Aderenza alle terapie, un semplice promemoria non basta

Aderenza alle terapie, un semplice promemoria non basta
«I ricercatori che si occupano di aderenza alle prescrizioni e i medici devono riconoscere che non vi è una "pillola magica" che risolverà il problema della non aderenza rispetto ai farmaci» affermano Ian Kronish e Nathalie Moise, del Center for Behavioral Cardiovascular Health al Columbia University Medical Center di New York, in un commento che prende spunto da uno studio pubblicato sullo stesso numero della rivista Jama Internal Medicine. Niteesh Choudhry, della Harvard Medical School di Boston, e colleghi hanno infatti studiato la possibile applicazione di una soluzione a basso costo per migliorare l'aderenza ai farmaci, dotando i pazienti di tre diversi tipi di dispositivi per aiutare a ricordare l'assunzione del medicinale, senza però avere un risultato significativo.

I commentatori riscontrano diversi limiti nello studio, tra i quali l'esclusione dei pazienti anziani, che avrebbero potuto avvantaggiarsi maggiormente di un promemoria rispetto ai giovani. Ricordano poi che un approccio che comprendeva diverse tecniche di cambiamento del comportamento come auto-monitoraggio, feedback, formazione delle abitudini, supporto sociale, e incentivi finanziari era stato studiato in passato e aveva presentato un miglioramento superiore al 20% in aderenza, ma l'integrazione delle risorse per sostenere l'aderenza ai farmaci nella pratica clinica è rimasta una promessa non mantenuta. Allo stato attuale quindi la maniera migliore per gestire il problema rimane, secondo gli autori, l'interesse del medico portato avanti in modo non giudicante. Quando si sospetta non aderenza, i clinici sono incoraggiati a esplorare le ragioni di questo problema e a incorporare tecniche di cambiamento, come la fornitura di un feedback o l'intervento dei servizi sociali. La collaborazione con professionisti del settore sanitario (come per esempio i farmacisti o i caregiver) con esperienza in queste tecniche è consigliato quando possibile. «Affrontare la non aderenza è impegnativo, ma non è un problema insormontabile e questo lavoro aiuta a prendere decisioni informate e consapevoli» concludono.

Jama Intern Med. 2017. doi: 10.1001/jamainternmed.2016.9627 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28241271

Jama Intern Med. 2017. doi: 10.1001/jamainternmed.2016.9658 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28241306
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO