Sanità

gen152020

Aifa, Nicola Magrini è il nuovo direttore generale

Aifa, Nicola Magrini è il nuovo direttore generale

Nicola Magrini nuovo direttore generale dell'Aifa. Medico e farmacologo clinico con 20 anni di esperienza nella valutazione dei farmaci

Nicola Magrini è il nuovo direttore generale dell'Agenzia del farmaco (Aifa). Le Regioni hanno dato, infatti, il parere favorevole alla nomina proposta dal ministro della Salute, Roberto Speranza.
Magrini, medico e farmacologo clinico con 20 anni di esperienza nella valutazione dei farmaci, lo sviluppo delle linee guida e le politiche farmaceutiche, è attualmente segretario del comitato per i farmaci di base dell'Oms. Ha iniziato come ricercatore presso l'Università di Bologna e l'Istituto Mario Negri, e nel 1999 ha fondato un Centro Nhs (CeVEAS presso l'Ausl di Modena) per lo sviluppo di informazioni sui farmaci e linee guida dove ha lavorato come direttore per 15 anni.
È stato anche membro fondatore del Cochrane Center italiano e direttore del Centro di collaborazione dell'Oms per la sintesi della ricerca basata sulle prove e lo sviluppo delle linee guida dal 2008 al 2014.
Magrini prende il posto di Luca Li Bassi, che era stato nominato 15 mesi fa dall'ex ministro della Salute Giulia Grillo.

Dal mondo sanità arriva l'augurio di buon lavoro al nuovo Dg.
«La Federazione degli Ordini dei farmacisti italiani si felicita con il dottor Nicola Magrini per la sua nomina a direttore generale dell'Aifa - dice il presidente della Fofi Andrea Mandelli -. La sua lunga esperienza in ambito nazionale e internazionale sarà preziosa per proseguire e sviluppare l'attività dell'Agenzia, che è chiamata ad affrontare la spinta sempre più forte dell'innovazione farmacologica e la sfida costante della sostenibilità delle cure. I farmacisti italiani gli offrono fin d'ora la massima collaborazione e gli fanno i migliori auguri di buon lavoro».

«Federfarma invia al neodirettore generale dell'AIFA i migliori auguri di buon lavoro- fa sapere Marco Cossolo, presidente di Federfarma - nella certezza che con la sua grande esperienza potrà contribuire efficacemente ad affrontare i gravosi impegni in capo alla Agenzia, anche in relazione all'attuazione del Patto della salute e in particolare alla governance dei farmaci. Le farmacie sono disponibili a collaborare per continuare a garantire una distribuzione efficiente sul territorio e per implementare il monitoraggio dell'aderenza alle terapie, una procedura che agevola un più razionale uso delle risorse destinate al farmaco, con ricadute positive sulla salute dei cittadini».

«Siamo certi che con la sua guida, l'Aifa saprà esprimere al meglio la propria missione a tutela della salute pubblica e siamo, altresì, convinti che l'importante conoscenza da lei acquisita del sistema farmaceutico comunale e da tutti gli aspetti valoriali che lo stesso esprime, costituiranno un valore aggiunto per la sua azione» scrive Venanzio Gizzi presidente di Assofarm.

«La sua ventennale esperienza professionale - è il commento dalla Fnomceo, la Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri - nella valutazione dei farmaci, lo sviluppo delle linee guida e le politiche farmaceutiche sarà guida preziosa per una politica del farmaco fondata sulle migliori evidenze scientifiche e garanzia per un'appropriatezza, efficienza e sostenibilità del Servizio sanitario nazionale che appoggino sulle ragioni della scienza e della clinica e non su quelle del risparmio economico».

«Sono certo che Magrini, grazie alla sua prestigiosa esperienza professionale, potrà affrontare con rinnovata determinazione le numerose attività dell'Agenzia per l'accesso alle terapie, la sostenibilità della Sanità e la valorizzazione del sistema industriale del Paese - commenta il presidente di Farmindustria, Massimo Scaccabarozzi - Le imprese del farmaco continueranno da parte loro a impegnarsi, a investire nel Paese in Ricerca, Innovazione e Produzione, a offrire sempre nuove risposte terapeutiche e a contribuire alla crescita dell'economia e dell'occupazione. In questa logica sono disponibili per la definizione, nel rispetto dei ruoli, di una nuova governance che possa garantire l'equilibro tra sostenibilità e innovazione. Sono anche sicuro che il neo Direttore proseguirà il dialogo costruttivo positivamente avviato con l'industria farmaceutica. Più che mai ora, in un mondo in veloce evoluzione, è infatti importante un'azione sinergica di Istituzioni, imprese, pazienti, medici e tutti gli altri attori della salute».
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO