farmaci

mar152016

Alirocumab, disponibile in Italia in classe Cnn

Alirocumab, disponibile in Italia in classe Cnn
Alirocumab, un anticorpo monoclonale indicato in adulti con ipercolesterolemia primaria o dislipidemia mista, è ora disponibile in Italia in classe Cnn (Classe non negoziata), dopo aver ricevuto il parere favorevole del Comitato dei medicinali per uso umano (Chmp) dell'Ema, e l'approvazione definitiva della Commissione Europea. Lo fa sapere una nota di Sanofi che, insieme Regeneron, ha sviluppato il farmaco. Si tratta di «un anticorpo monoclonale completamente umano, appartenente alla classe degli inibitori della Pcsk9 (proproteina della convertasi subtilisina/Kexin tipo 9)» si legge nella nota. «La Pcsk9 è una proteina che regola i livelli di colesterolo Ldl circolante in quanto si lega ai recettori Ldl causandone la degradazione. Questo comporta un minor numero di recettori e maggiori livelli di Ldl in circolo. Grazie al meccanismo d'azione innovativo, alirocumab si lega alla proteina Pcsk9, aumenta il numero dei recettori Ldl e riduce quindi il colesterolo Ldl (Ldl-C) circolante».

È indicato in adulti con ipercolesterolemia primaria (familiare eterozigote o non familiare) o dislipidemia mista, «in aggiunta alla dieta e in associazione con una statina o con altre terapie ipolipemizzanti in pazienti non in grado di raggiungere gli obiettivi Ldl-C con la dose massima tollerata di statine o in monoterapia o in associazione con altre terapie ipolipemizzanti in pazienti intolleranti alle statine o per i quali una statina è controindicata». Il farmaco è disponibile in due diversi dosaggi, 75 mg e 150 mg, per la personalizzazione della terapia in base alle caratteristiche del paziente. La somministrazione prevede una sola iniezione sottocute una volta ogni due settimane. Alirocumab è un medicinale sottoposto a monitoraggio addizionale e agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta, ciò permetterà la rapida identificazione di nuove informazioni sulla sicurezza. «Nonostante le statine e altre terapie ipolipemizzanti, molti pazienti non sono in grado di raggiungere i livelli ottimali di colesterolo Ldl» spiega Mario Merlo, responsabile Divisione cardiovascolare di Sanofi Italia «questo farmaco dal meccanismo d'azione innovativo è un importante passo avanti per mettere a disposizione dei pazienti ad alto rischio cardiovascolare una nuova opzione terapeutica che permetta di controllare efficacemente i livelli di colesterolo Ldl».

(SZ)
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Raccomandazioni sulla gestione della rinite allergica in farmacia
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Ascioti - Reparto dermocosmetico - Guida al cross-selling
vai al download >>

SUL BANCO