Sanità

feb232011

Allergie alimentari: Nice raccomanda sui rischi dei test alternativi

Il Nice mette in guardia sull’uso di test alternativi, per diagnosticare le allergie alimentari nel bambini, che portano a stabilire diete troppo restrittive e potenzialmente dannose per la loro crescita. In merito il regolatorio anglosassone ha istituito la prima linea guida nazionale sulle allergie alimentari nei bambini, che dà raccomandazione su test alternativi come il Vega test, l’analisi del capello e la chinesiologia. In Inghilterra, il fenomeno è in aumento a causa della mancanza di test allergici forniti a carico del National health insititute e la difficoltà di avere una diagnosi tramite il medico di base. Tuttavia, non ci sono evidenze scientifiche che supportano l’uso di questi test, che per altro possono costare fino a 60 sterline o più. Inoltre, è stato stimato che il 20% dei casi di bambini considerati allergici riceve una diagnosi sbagliata, ma comunque sospende il consumo di qualche alimento considerato la causa dell'allergia. Il Nice raccomanda agli operatori di verificare le sospette allergie alimentari, in genere a latte di mucca, pesce, crostacei e arachidi, con i prick test cutanei o con analisi delle IgE nel sangue. Le decisioni nutrizionali vanno prese in base alla storia di allergie del bambino e se il test da fare è adatto, sicuro e accettabile per il bambino


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO