Galenica

nov152019

Antifungino dalle muffe: griseofulvina per curare pelle, unghie e capelli

Antifungino dalle muffe: griseofulvina per curare pelle, unghie e capelli

La griseofulvina è una molecola antifungina prodotta da alcuni ceppi di Penicllium utile per trattare micosi di cute, unghie e capelli

La griseofulvina è una molecola antifungina prodotta da alcuni ceppi di Penicllium griseofulvum (da cui deriva il nome) o da P. nigricans e P. patulum. L'inibizione, che il farmaco genera, della mitosi delle cellule dei miceti avviene interagendo con i microtuboli del citoplasma: rompe il fuso mitotico ed arresta la divisione cellulare.
La griseofulvina, inoltre, sembra in grado di interferire con la sintesi degli acidi nucleici, originando un Dna difettoso ed incapace di dare inizio alla replicazione cellulare.
Viene utilizzata per via orale anche nel trattamento di infezioni micotiche dermatologiche. Infatti, si deposita nello strato cheratinico dell'epidermide e penetra nel follicolo del pelo, dove viene incorporata alla cheratina di recente formazione. Questo rende lo strato corneo e l'annesso cutaneo particolarmente resistente ad infezioni fungine.
Tale interessante meccanismo d'azione porta però con sé alcuni effetti collaterali. Primo e più frequente tra tutti la cefalea (che tuttavia è solita scomparire con il proseguimento della terapia), mentre possono mantenersi effetti gastrointestinali, sia i classici a livello gastrico, che alcuni particolari a livello degli apparati sensori: alterazione del gusto, sete eccessiva, diminuzione dell'udito. Particolare attenzione è da prestare se somministrata a bambini, dove si possono manifestare effetti estrogeno-simili. Proprio per questo è controindicato anche l'utilizzo in gravidanza.
Nelle pazienti in trattamento concomitante con il farmaco e un contraccettivo orale, oltre all'inefficacia della contraccezione, sono state segnalate amenorrea e perdite intermestruali. Anche i pazienti con insufficienza epatica o lupus eritematoso dovrebbero evitare il trattamento con questo farmaco.

La griseofulvina è indicata nel trattamento della tinea della cute, delle unghie e dei capelli. L'efficacia terapeutica è condizionata dall'età del paziente, dal grado di cheratinizzazione e dal tempo necessario per la desquamazione della struttura cheratinica infetta. Lentamente solubile in acqua e poco solubile in alcool, in commercio si può trovare in forma micronizzata o ultramicronizzata. La forma micronizzata presenta un assorbimento orale che varia dal 25 al 75%, mentre l'ultramicronizzata è completamente assorbita. In mancanza della materia prima, Journal of International Coumpounding ha ipotizzato una sospensione formulata a partire dalle compresse.


Esempio formulativo

Materiali: bilancia, mortaio, pestello Compresse di griseofulvina q.b al dosaggio richiesto (se possibile ultramicronizzata) Etanolo 1 ml Propilen glicole 5ml Miscela di parabeni 100mg Soluzione di Metilcellulosa all'1% 50ml Dolcificante e aroma a piacere Acqua depurata qb a 100ml Nel mortaio polverizzare le compresse di griseofulvina, quindi aggiungervi l'acqua. In un becher solubilizzare la miscela di parabeni con alcool e glicole propilenico. Aggiungere questa soluzione nel mortaio e miscelare con attenzione. Aggiungere quindi la soluzione di metilcellulosa e mescolare energicamente fino a formazione della sospensione. Il consiglio degli autori è di conservare la sospensione a temperatura ambiente o in frigo, di agitare prima dell'uso e di impiegarla entro 15 giorni dalla data di preparazione. Per la ricettazione, si richiede ricetta ripetibile. In alternative, Mehta e Aggarwal hanno ipotizzato l'impiego di un gel di griseofulvina per ovviare alla differente biodisponiblità quando si utilizza griseofulvina micronizzata. In questo caso, gli autori hanno formulato un gel base di carbopol con l'aggiunta di alcool e TPGS come penetration enancher. Questa molecola, in sinergia con l'alcool, ha permesso di ottimizzare la penetrazione della molecola e la ritenzione della stessa a livello della cute.

Luca Guizzon - farmacista clinico territoriale, esperto di fitoterapia, Farmacia Campedello, Vicenza


Fonti

J Dtsch Dermatol Ges.2013 Aug;11(8):737-41, 737-42. doi: 10.1111/ddg.12095. Epub 2013 Apr 10.
Int J Dermatol.2012 Apr;51(4):455-8. doi: 10.1111/j.1365-4632.2011.05341.x.
Int J Dermatol.1997 Jan;36(1):67-9.
AAPS PharmSciTech.2012 Mar;13(1):67-74. doi: 10.1208/s12249-011-9722-y. Epub 2011 Dec 1
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO