Sanità

feb142018

Ape volontario, al via le domande di certificazione requisiti all'Inps

Ape volontario, al via le domande di certificazione requisiti all’Inps
L'Ape volontario è da pochi giorni operativo, si possono quindi presentare le domande di certificazione all'Inps per accedere al prestito che consentirà, a chi avrà almeno 63 anni nel 2018 (o 63 anni e 5 mesi nel 2019), di uscire in anticipo dal lavoro. A ricordarlo è il Sole24 Ore che sulla edizione quotidiana in edicola fa un punto sul nuovo dispositivo oggetto di due comunicazione istituzionali da Palazzo Chigi dall'Inps che avviano la sperimentazione dell'anticipo finanziario a garanzia pensionistica per un'uscita anticipata dal mercato del lavoro fino 43 mesi prima della vecchiaia.
I lavoratori nati tra maggio del 1954 e luglio del 1956 sono la fascia interessata alla prima applicazione prevista fino alla fine del 2019, una platea stimata di 300 mila lavoratori quest'anno e di altri 5mila nel 2019. Il sito dell'Inps ha aperto le domande di certificazione dei requisiti (63 anni più 20 di contributi versati) e ha messo a disposizione un simulatore semplificato che, sulla base di un algoritmo (messo a punto con Abi e Ania), sintetizza nella rata netta l'unico indicatore di costo del finanziamento che dovrà essere rimborsato tramite un prelievo sulla pensione nei primi vent'anni di erogazione (240 rate). In quattro passaggi è possibile ottenere l'importo della rata di restituzione del prestito, quella che andrà a ridurre l'importo dell'assegno previdenziale nei primi 20 anni di pensionamento. L'onere effettivo dell'Ape, ricorda il quotidiano finanziario, comprende gli interessi, l'assicurazione sulla premorienza, in caso di decesso la pensione di reversibilità futura non sarà intaccata da rate, e l'accesso al fondo di garanzia dello Stato. Il tasso annuale effettivo globale è del 3,43% per un anticipo con durata 12 mesi e del 3,33% de viene fruito per 36 mesi. L'incidenza della rata di restituzione del prestito sulla pensione è del 4,52% a fronte di una durata di 12 mesi e scende al 4,04% per 36 mesi.
Dalla ricezione della domanda di certificazione, Inps avrà 60 giorni per rispondere con una comunicazione che comprende la durata massima dell'Ape e l'importo minimo e massimo della quota mensile di Ape ottenibile, dati che saranno poi confermati al momento della successiva presentazione della domanda di anticipo volontario cui sono collegati la domanda irrevocabile di pensionamento di vecchiaia, l'istanza di accesso al fondo di garanzia e la proposta di assicurazione e finanziamento bancaria. Per chi vorrà ottenere le mensilità pregresse (si possono richiedere fino a maggio 2017) la domanda dovrà essere fatta subito, visto che la scadenza prevista per riconoscere questa facoltà è il 18 aprile.(SZ)
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Ascioti Maria T., Penazzi E. - Reparto dermocosmetico. Guida all'estetica in farmacia
vai al download >>

SUL BANCO