Sanità

gen312012

Assogenerici: Monti prosegua con norme pro equivalenti

Esprimono soddisfazione l’Associazione europea dei produttori di farmaci generici (EGA) e Assogenerici per il richiamo formale all’Italia arrivato settimana scorsa dalla Commissione europea con l’invito ad applicare la legislazione Ue sulle procedure di autorizzazione all’immissione in commercio dei farmaci equivalenti. Il richiamo, fa sapere una nota congiunta, «giunge dopo che l’anno scorso la Commissione europea aveva avviato una procedura di infrazione, dando seguito alle denunce ufficiali dell’Ega e di AssoGenerici» contro la norma contenuta nel codice di proprietà industriale (il comma 1/bis dell’art 68 decreto legislativo 10 febbraio 2005, n. 30) che prevede il cosiddetto patent linkage, il collegamento cioè tra la scadenza del brevetto e l’autorizzazione all’immissione in commercio. Norma che, secondo la denuncia delle due associazioni, «ha portato un forte ritardo nell’accesso al mercato per i produttori di medicinali equivalenti» e, «come dichiarato dalla Commissione europea nel rapporto conclusivo dell’indagine sul settore farmaceutico, è un abuso rispetto al sistema regolatorio europeo». Per questo, fanno sapere le associazioni, «accogliamo con favore l’iniziativa del Governo guidato dal presidente Mario Monti di eliminare la norma in questione dal codice di proprietà industriale». L’auspicio è ora di «una possibile introduzione nella legislazione di un provvedimento che imponga all’Aifa di non considerare qualsiasi scadenza brevettuale nella procedura di autorizzazione all’immissione in commercio dei farmaci».


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO