Sanità

apr242012

Avellino: farmaci,e punti salute per gestire i codici bianchi

Affiancare i medici di famiglia per contribuire, attraverso i servizi offerti in farmacia, al processo di territorializzazione delle cure, in modo da diminuire il sovraffollamento di pronto soccorso e strutture ospedaliere e liberare risorse del Servizio sanitario nazionale. Questo in sintesi la filosofia alla base del progetto Punto salute, proposto dal presidente dell’Ordine dei farmacisti di Avellino, Ettore Novellino, e ora in attesa dell’avallo del ministero della Salute. L’idea, spiega Novellino in un’intervista pubblicata su Il Denaro del 21 aprile, è che le farmacie mettano a disposizione del medico di famiglia, oltre all’assistenza farmaceutica, anche i servizi di diagnostica, con l’impegno di erogare le cure necessarie al domicilio. In questo modo, codici bianchi e assistenza post ospedaliera dovranno essere destinati al territorio. Le farmacie avranno anche un ruolo nella prevenzione primaria e secondaria, indirizzando i pazienti a eseguire determinati esami e trasferendo esiti e informazioni  ai medici di famiglia, e nella fase di raccolta dati: il progetto prevede anche l’avvio di uno studio epidemiologico, basato sulla raccolta di dati di screening biomedico.


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Garattini S., Bertelè V. Farmaci sicuri
vai al download >>

SUL BANCO