Galenica

dic172021

Beta-bloccanti, preparati galenici con dosaggio personalizzato

I beta-bloccanti sono prescritti di routine nella sindrome congenita del QT lungo e alcuni studi ne hanno valutato l'efficacia e i limiti

Beta-bloccanti, preparati galenici con dosaggio personalizzato
I beta-bloccanti sono prescritti di routine nella sindrome congenita del QT lungo (LQTS), e alcuni studi ne hanno valutato l'efficacia e i limiti. Il nadololo è un beta-bloccante non selettivo che antagonizza l'azione delle catecolamine a livello dei recettori beta1 miocardici e beta2 bronchiali e vascolari. In questo modo, il nadololo rallenta la frequenza e diminuisce la gittata cardiaca sia a riposo che sotto sforzo. Inoltre, diminuisce la velocità di conduzione del nodo atrioventricolare e l'automatismo del miocardio.

La risposta è variabile tra i pazienti

Dopo l'inizio della terapia, si è verificata una riduzione significativa del tasso di eventi cardiaci nei probandi durante i periodi abbinati di 5 anni. Tuttavia, sincope, arresto cardiaco abortito e morte correlata a LQTS continuano a verificarsi mentre i pazienti assumono beta-bloccanti prescritti, in particolare in coloro che erano sintomatici prima di iniziare questa terapia. Poiché la risposta è variabile tra i pazienti, uno piccolo studio francese ha valutato sistematicamente l'effetto del trattamento eseguendo un test da sforzo. In particolare, il nadololo è stato utilizzato durante il test da sforzo nei pazienti con LQTS al fine di proporre un approccio terapeutico più personalizzato. I pazienti con LQTS seguiti presso il Centro di riferimento per le malattie aritmiche ereditarie di Nantes con almeno 1 test da sforzo sotto nadololo sono stati inclusi retrospettivamente tra il 1993 e il 2017. Tutti i pazienti sono stati sottoposti a test di esercizio a ciclo graduale. Le dosi aggiustate in base al peso e alla risposta al trattamento sono state registrate e valutate in base alla percentuale di frequenza cardiaca massima prevista per l'età raggiunta durante il test da sforzo. Novantacinque pazienti sono stati inclusi nello studio e sono stati analizzati 337 stress test sotto nadololo. Non esisteva alcuna correlazione tra la dose e la percentuale della frequenza cardiaca massima prevista per l'età nei test da sforzo. Ventuno pazienti erano overresponder e 20 erano underresponder. Lo studio ha trovato una correlazione negativa tra la variazione della dose e la percentuale della variazione massima della frequenza cardiaca prevista per l'età. È presente una grande variabilità della risposta alla dose al nadololo nei pazienti con LQTS, e gli studiosi sottolineano la necessità di un dosaggio su misura per ciascun paziente. L'analisi intraindividuale ha mostrato una relazione dose-risposta relativamente costante, consentendo un adattamento guidato della dose dopo il primo test da sforzo.

Preparazioni con dosaggio personalizzato per ottimizzare la risposta terapeutica

Può essere quindi interessante lo sviluppo di preparazioni galeniche con dosaggio personalizzato al fine di ottimizzare la risposta terapeutica. Un esempio potrebbe essere portare in soluzione il nadololo per consentire la somministrazione dello stesso a chi ha problemi di deglutizione o ai bambini. In quest'ultimo caso si faccia attenzione agli eccipienti da utilizzare per evitare la somministrazione di dosi eccessive di alcool.
Esempio formulativo
Materiali: becher, phmetro, bacchetta di vetro
Nadololo 1500mg
Alcool 10ml
Glicerina 10ml
Acqua preservata qb a 100ml
In un becher sciogliere il nadololo nell'alcool. Aggiungere quindi la glicerina e portare a volume con acqua preservata. Si può mascherare il sapore del nadololo con aromi o con dolcificanti. Si effettueranno controlli per verificare la tenuta del flacone, l'assenza di insolubilizzazioni e l'esatta quantità dispensata.

La preparazione richiede non ricetta ripetibile (doping)

La preparazione richiede non ricetta ripetibile (doping). Come per gli altri beta-bloccanti non selettivi, il nadololo non dovrebbe essere somministrato nei pazienti asmatici dove può indurre gravi crisi dovute al blocco dell'azione broncodilatatrice dei recettori beta2-adrenergici. Nei pazienti con rinite allergica può manifestarsi broncospasmo, mentre in quelli con sindromi ostruttive croniche delle vie aeree si può avere peggioramento dei sintomi. Si consiglia di non interrompere o sospendere la terapia senza consulto medico, in quanto la sospensione improvvisa della terapia nei pazienti con angina pectoris e in quelli con coronaropatie può condurre ad un aumento della frequenza, della durata e della gravità degli attacchi di angina e, in alcuni casi, anche a infarto miocardico e aritmia ventricolare. Il nadololo può mascherare anche i sintomi di una ipoglicemia acuta e di questo devono essere avvertiti i pazienti in trattamento con ipoglicemizzanti.

Luca Guizzon
Farmacista clinico territoriale, esperto di fitoterapia. Farmacia Campedello
(www.farmaciacampedello.it)

Fonti

Medicamenta Heart Rhythm. 2021 Aug;18(8):1377-1383
Circulation. 2000 Feb 15;101(6):616-23
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO


chiudi