farmaci

gen172012

Bortezomib, precauzioni per non sbagliare somministrazione

Una nota dell’Aifa, concordata con l’Ema, ribadisce che l’unica via di somministrazione autorizzata di bortezomib è la via endovenosa, e non deve essere somministrato attraverso altre vie

Una nota dell’Aifa, concordata con l’Ema, ribadisce che l’unica via di somministrazione autorizzata di bortezomib, farmaco indicato per il trattamento di pazienti con mieloma multiplo, è la via endovenosa e non deve essere somministrato attraverso altre vie. Per ridurre i rischi di errore vengono suggerite alcune misure precauzionali da attuare qualora fosse possibile. In primo luogo vanno utilizzati raccordi per infusione diversi per i farmaci che devono essere somministrati per via intratecale o endovenosa, inoltre la chemioterapia intratecale va somministrata in un momento diverso dalle altre chemioterapie parenterali. Si suggerisce di ettichettare chiaramente le siringhe con il nome del farmaco contenuto e la via di somministrazione e di assicurarsi che siano applicate le procedure per la doppia verifica delle etichette delle siringhe prima della somministrazione. La somministrazione per via intratecale ed endovenosa deve essere effettuata solo da operatori sanitari specializzati. Infine, gli operatori sanitari coinvolti nella somministrazione e/o gestione dei farmaci oncologici vanno istruiti adeguatamente sui pericoli legati alla somministrazione intratecale di bortezomib e su tutte le misure precauzionali necessarie.


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Frongia - Casettari -Il galenista e il laboratorio
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO