farmaci

giu232011

Bpco: attenzione a fratture da corticosteroidi inalatori

Nei pazienti affetti da broncopneumopatia cronica ostruttiva (Bpco), un'esposizione a lungo termine a corticosteroidi inalatori, quali fluticasone e budesonide, risulta associata in modo evidente a una probabilità maggiore di fratture. È quanto risulta dalla revisione di studi controllati, randomizzati e osservazionali effettuata da Yoon K. Loke della university of East Anglia di Norwich (Gran Bretagna), e collaboratori. Complessivamente sono stati inclusi nella metanalisi 16 studi randomizzati, di durata pari o superiore a 24 settimane, (14 condotti con fluticasone, 2 con budesonide vs trattamento di controllo per Bpco) per un totale di 17.513 partecipanti, e 7 studi osservazionali (riguardanti il rischio di frattura con oppure senza esposizione a corticosteroidi inalatori nella Bpco) corrispondenti a 69.000 pazienti. L'impiego dei corticosteroidi inalatori è risultato associato a un rischio di fratture significativamente aumentato sia negli studi randomizzati (Or: 1,27) sia in quelli osservazionali (Or: 1,21), con un incremento di rischio fratturativo del 9% a ogni aumento di dosi equivalenti a 500 microgrammi di beclometasone. 

Thorax, 2011 May 20. [Epub ahead of print]


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Raccomandazioni sulla gestione della rinite allergica in farmacia
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Ascioti - Reparto dermocosmetico - Guida al cross-selling
vai al download >>

SUL BANCO