Sanità

giu242016

Brexit, Pessina (Walgreens Alliance Boots): le aziende si preparino al peggio

Brexit, Pessina (Walgreens Alliance Boots): le aziende si preparino al peggio
«Non vedo come l'uscita dall'Ue, possa essere positiva per l'economia del Regno Unito. Credo che le aziende debbano ora prepararsi al peggio». L'annuncio delle conseguenze, a dir poco catastrofiche, della vittoria del fronte Brexit arriva direttamente da Stefano Pessina, vice presidente esecutivo e amministratore delegato del colosso americano Walgreens Alliance Boots.

«Si sceglie di investire nel Regno Unito - ha aggiunto Pessina - perché da lì si può facilmente accedere a tutta l'Unione Europea. Ora che il Regno Unito non sarà più parte della Ue, cambierà tutto». In effetti, proprio in Inghilterra si contano più di 2500 punti vendita a marchio Boots con oltre 60mila collaboratori. Nel suo complesso, il colosso Walgreens Alliance Boots, rappresenta la più grande azienda mondiale di prodotti per la salute e il benessere. Tredicimila punti vendita propri e 370 mila dipendenti in venticinque Paesi, oltre a 350 centri di distribuzione sparsi per il pianeta che ogni anno fanno consegna più di 200 mila farmacie, medici, ambulatori e ospedali. Al vertice di questa piramide, che lo scorso anno ha avuto un fatturato di 103 miliardi dollari con profitti superiori a 4 miliardi dollari, proprio il 75enne Stefano Pessina, da sempre molto attento alla politica britannica.

Rossella Gemma
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Garattini S., Bertelè V. Farmaci sicuri
vai al download >>

SUL BANCO