Sanità

feb182019

Cambia trinomio farmacista-farmaco-farmacia, Fofi: prossimo step è standardizzazione

Cambia trinomio farmacista-farmaco-farmacia, Fofi: prossimo step è standardizzazione
Se il punto di partenza è una riflessione sul profondo cambiamento dei termini del trinomio farmacista-farmaco-farmacia, il prossimo passo deve essere la standardizzazione, in termini di qualità e uniformità, delle prestazioni professionali del farmacista, condizione fondamentale per il loro riconoscimento, tanto dal punto di vista sanitario quanto dal punto di vista economico. Questo uno dei temi al centro dell'incontro organizzato sabato scorso a Trieste da Anna Olivetti, presidente dell'Ordine di Gorizia e Marcello Milani, presidente di quello di Trieste e dalla Federfarma provinciale, intitolato "Nuove sfide della professione del farmacista. L'accesso ai farmaci, l'innovazione, la formazione come pilastri del sistema farmacia", con interventi affidati al presidente della Fofi Andrea Mandelli, al professor Stefano Vella, responsabile del Centro di Riferimento per la Salute globale dell'Iss, a Marco Cossolo, presidente nazionale di Federfarma; Silvia Pagliacci, presidente del Sunifar e a Luigi D'Ambrosio Lettieri, vicepresidente della Fofi e presidente della Fondazione Cannavò. A riportare i contenuti dell'incontro è l'house organ della Fofi.

Nella sua relazione, il presidente Mandelli, ha ricordato che gli "strumenti dell'evoluzione del professionista sono stati resi disponibili nei termini che la Fofi aveva delineato già con il documento federale sulla professione del 2006 (dalla Legge sulla farmacia dei servizi al Dossier farmaceutico alla sperimentazione dei servizi cognitivi del farmacista), e che ora il prossimo passo è quello di arrivare alla standardizzazione delle prestazioni professionali del farmacista: Questa è una condizione fondamentale per il loro riconoscimento, tanto dal punto di vista sanitario quanto dal punto di vista economico". Aspetto toccato anche dal presidente di Federfarma Cossolo, secondo il quale "è un errore ritenere che la competizione con le catene delle società di capitali si svolgerà sul piano della capillarità, o del prezzo. Il punto nodale è il ruolo professionale, che si esprime nei servizi cognitivi, capace di generare valore aggiunto. Ed è questo l'aspetto su cui puntano le società di capitali, con l'intenzione di offrire questo valore aggiunto non soltanto al Servizio Sanitario, ma anche all'industria o alle assicurazioni. Quello che serve alle farmacie dei professionisti è la capacità di iniettare efficienza nelle loro attività e la risposta di Federfarma è il modello di Sistema Farmacia Italia, l'aggregazione in una catena virtuale forte capace di creare economie di scala mantenendo la caratteristica di impresa del professionista".

Evoluzione anche per il farmaco, come ha fatto notare il professor Vella, osservando che "l'innovazione che pareva essersi arrestata in realtà è ripresa con grande intensità e in forme differenti dal passato: i nuovi farmaci sono sempre più mirati e capaci di curare patologie un tempo ritenute al massimo "trattabili": è il caso ben noto dell'epatite C cronica ma anche di malattie non trasmissibili come i tumori polmonari, o alcune forme di leucemia. Farmaci mirati, dunque, ma anche sempre più costosi, così da rendere necessaria la ricerca di nuove modalità di contrattazione del prezzo e di remunerazione della ricerca nella quale, spesso, sono coinvolti anche enti pubblici. E che soprattutto pone un problema di accesso sia nei paesi a più basso reddito ma anche nei cosiddetti paesi ricchi". A ricordare il ruolo della farmacia come "presidio polifunzionale", come un "elemento chiave non solo per l'accesso all'assistenza farmaceutica, ma anche alle prestazioni sanitarie in senso generale" è stata Pagliacci: sono in moltissimi casi l'unico presidio sanitario disponibile in comunità di poche migliaia - o anche centinaia - di persone nelle cosiddette aree interne del paese. "Al farmacista e alla farmacia di comunità si prospettano un ruolo e una funzione sempre più complessi per i quali occorre un'evoluzione del sistema che forma il farmacista, con una sempre più forte integrazione con la realtà concreta della pratica professionale, soprattutto, con una determinazione di tutta la professione a perseguire, noi insieme, questo obiettivo" ha concluso D'Ambrosio Lettieri.

La giornata si è chiusa con la consegna di una targa ad alcune figure di rilievo della professione a Trieste: Eliana Frontali, per 15 anni vicepresidente dell'Ordine, il professor Roberto della Loggia, ultimo preside della Facoltà di Farmacia dell'ateneo triestino, Gianni Rubino, presidente dell'Ordine dal 1990 al 1995 e Vittorio Zamboni, che ha rivestito la stessa carica fino al 2005.
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Frongia - Casettari -Il galenista e il laboratorio
vai al download >>

SUL BANCO