Galenica

ott22020

Candidosi orale, dalla galenica il gel adesivo al miconazolo

La candidosi orale è un’eccessiva replicazione di un micete che fa parte della flora batterica. Per il trattamento si può utilizzare un gel adesivo orale a base di miconazolo, molecola antifungina imidazolica

Candidosi orale, dalla galenica il gel adesivo al miconazolo
La candidosi orale è un'eccessiva replicazione di un micete di per sé facente parte della flora batterica residente naturale del nostro organismo. In questi casi, può trovare impiego un gel adesivo orale a base di miconazolo. Questa è una molecola antifungina imidazolica il cui meccanismo cambia a seconda della concentrazione utilizzata. A basse concentrazioni il farmaco interagisce con il citocromo P450 fungino inibendo un passaggio nella biosintesi dell'ergosterolo; questo conduce all'alterazione di molte funzioni della membrana fungina con conseguente arresto della replicazione. Ad alte concentrazioni il miconazolo interagisce direttamente con i lipidi di membrana provocando la fuoriuscita dei costituenti della cellula fungina; inoltre interferisce con gli enzimi perossimali causando accumulo di perossidi e morte della cellula.
Sembra che gli effetti fungistatici del farmaco siano da collegarsi all'inibizione della sintesi degli steroidi di membrana e quelli fungicidi ad una diminuzione della funzione di barriera della membrana stessa.

Miconazolo agisce contro molti agenti patogeni fungini

Il miconazolo è attivo nei confronti di molti agenti patogeni fungini ed in vitro nei confronti di batteri gram-positivi compresi alcuni streptococchi e stafilococchi. Nel trattamento della candidosi orale ed intestinale il miconazolo può essere somministrato per os in gel al 2% da trattenere in bocca più a lungo possibile da applicare fino a quattro volte al giorno. Il farmaco sembra più efficace della Low-laser therapy per contrastare le candidosi orali, dimostrando una buona efficacia, con un altrettanto valido profilo di sicurezza. Infatti, vengono riportati solo alcuni casi di manifestazioni gastrointestinali. Interessante notare che l'applicazione di gel a base di miconazolo sembra l'opzione migliore per evitare ricadute di infezione a lungo termine.

Esempio formulativo

In mancanza del farmaco industriale, si può optare per un allestimento nel laboratorio della farmacia, ecco un esempio:
Materiali: mortaio, pestello, bilancia
Miconazolo 2%
Veicolo adesivo orale qb a 30g
Miscelare accuratamente in progressione geometrica il miconazolo con il veicolo. Trasferire quindi in contenitore adatto. Il miconazolo è insolubile in acqua, quindi ci si accerti della capacità sospendente del veicolo per evitare separazioni di fase. Può essere interessante aggiungere un dolcificante o un aromatizzante per facilitare l'applicazione e la compliance del paziente. Può essere utile coprire il sapore del principio attivoo con aromi e dolcificanti adeguati. Controindicato in caso di ipersensibilità nota, deve essere usato con cautela nei pazienti con insufficienza epatica.

Luca Guizzon
Farmacista clinico territoriale, esperto in fitoterapia, farmacia Campedello, Vicenza

Fonti

Medicamenta Oral Dis. 2016 Apr;22(3):185-95. Doi: 10.1111/odi.12380.
J Prosthodont. 2016 Jan;25(1):28-32. Doi: 10.1111/jopr.12284.
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO