Sanità

feb232016

Cannabis, in Piemonte solo in farmacie ospedaliere. L'esperto: nessun motivo di ordine clinico

Cannabis, in Piemonte solo in farmacie ospedaliere. L’esperto: nessun motivo di ordine clinico
Farmacie ospedaliere sì, farmacie territoriali no: il via libera all'utilizzo della cannabis per usi terapeutici sta avvenendo progressivamente in diverse Regioni italiane, ma il Piemonte ha scelto di introdurre una restrizione che discrimina tra un tipo di farmacia e un'altra. Una decisione che, secondo Federico Tonioni, psichiatra al Policlinico Gemelli di Roma, non ha motivi di ordine clinico. «Credo si tratti di decisioni improntate più a pregiudizio che ad altro, mentre il buon senso dovrebbe far sì che la cannabis terapeutica fosse distribuita esattamente come gli altri farmaci». Negativa anche la valutazione del presidente dell'Ordine dei farmacisti di Torino e consigliere nazionale Mario Giaccone per il quale la restrizione, decisa lo scorso 27 gennaio dalla Commissione sanità piemontese, potrebbe rappresentare un disservizio per i pazienti in particolare qualora la farmacia ospedaliera sia in una località diversa e magari distante dal loro domicilio. Ma Giaccone ha anche stigmatizzato la penalizzazione per i farmacisti territoriali, che non potranno inserirsi nel percorso regionale, nonostante la loro disponibilità e la loro professionalità nelle preparazioni galeniche.

Renato Torlaschi
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Boiron Roux - Pediatria
vai al download >>

SUL BANCO