Sanità

apr52018

Cannabis terapeutica, uso medico riduce prescrizione di oppiacei

Cannabis terapeutica, uso medico riduce prescrizione di oppiacei
Le leggi statali che consentono l'uso medico della cannabis sono associate a riduzioni delle prescrizioni di oppiacei, secondo due studi pubblicati su JAMA Internal Medicine. Nel primo lavoro i ricercatori hanno esaminato i dati su tutte le prescrizioni per oppiacei in beneficiari di assistenza Medicare Part D dal 2010 al 2015, confrontandoli con le leggi dei vari stati sulla cannabis medica. «Recenti ricerche hanno scoperto che l'uso di tutti i farmaci antidolorifici, oppiacei e non oppiacei, diminuisce nelle popolazioni Medicare Part D quando gli stati approvano leggi sulla cannabis medica. L'associazione tra le leggi e la prescrizione di oppiacei merita però approfondimenti» dice Ashley Bradford, della University of Georgia di Athens, prima autrice dello studio. Nel complesso, i risultati mostrano che negli stati in cui sono stati aperti dispensari di cannabis per uso medico si è vista una riduzione del 14% delle prescrizioni per oppiacei, mentre in quelli che consentivano solo la coltivazione a casa della cannabis si è vista una riduzione del 7%.

Nel secondo studio, che ha analizzato dati presi da Medicaid, l'applicazione delle leggi sulla cannabis medica negli stati era associata a una riduzione di quasi il 6% delle prescrizioni di oppiacei a pazienti coperti da Medicaid. Inoltre, quando gli stati hanno anche implementato le leggi sull'uso negli adulti, secondo le quali tutti gli adulti di almeno 21 anni sono autorizzati a usare cannabis medica a prescindere dall'indicazione, è stata osservata un'ulteriore riduzione del 6%. «Il potenziale della liberalizzazione della marijuana nella riduzione dell'uso degli oppiacei e delle conseguenze da esso derivanti tra gli iscritti a Medicaid merita considerazione durante le discussioni politiche sulla riforma delle leggi sulla cannabis e l'epidemia di uso di oppiacei» afferma Hefei Wen, dello University of Kentucky College of Public Health di Lexington, che ha diretto il gruppo di lavoro. Kevin Hill, del Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston, e Andrew Saxon, della University of Washington di Seattle, in un commento indicano che non tutti gli studi finora effettuati dimostrano una diminuzione nell'uso di oppiacei con la liberalizzazione della cannabis, e invitano alla cautela. «La politica della cannabis ha superato la scienza della cannabis. Saranno necessarie ricerche statali e finanziate a livello federale per ottenere risposte definitive sul possibile ruolo della cannabis nella crisi da oppiacei» concludono.

JAMA Intern Med. 2018. doi: 10.1001/jamainternmed.2018.0266 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29610897

JAMA Intern Med. 2018. doi: 10.1001/jamainternmed.2018.1007
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29610827

JAMA Intern Med. 2018. doi: 10.1001/jamainternmed.2018.0254
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29610836
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Frongia - Casettari -Il galenista e il laboratorio
vai al download >>

SUL BANCO