Sanità

nov202017

Carenza antitetanica, interrogazione chiede intervento del Ministro. Campania attiva acquisti diretti

Carenza antitetanica, interrogazione chiede intervento del Ministro. Campania attiva acquisti diretti
A fronte della persistente indisponibilità e mancanza di scorte in farmacie e ospedali di medicinali contro il tetano, vaccino e immunoglobuline, che sta creando in molte Regioni italiane, una situazione di emergenza, il ministro della Salute faccia sapere quali iniziative intende assumere per risolvere i problemi di approvvigionamento di tali farmaci su tutto il territorio nazionale.
Questa la richiesta sollevata da un'interrogazione parlamentare presentata nei giorni scorsi al Ministro della salute a firma, tra gli altri, dei senatori Andrea Mandelli e Luigi D'Ambrosio Lettieri, in cui è stato ricordato che "il medicinale compare nell'elenco di quelli per i quali ci sono problemi di approvvigionamento e l'Agenzia italiana del farmaco ha rilasciato, alle strutture sanitarie, l'autorizzazione all'importazione per farmaco analogo autorizzato all'estero" e che "la carenza di sangue e conseguentemente di plasma ha causato una riduzione della produzione di vaccino e di immunoglobuline e le importazioni in alcuni casi presentano problemi di certificazioni". Intanto, è proprio in tal senso che alcune Regioni si sono attivate: in Campania, per esempio, riporta la stampa locale, i direttori generali di Asl e ospedali sono stati autorizzati ad acquisti diretti presso le uniche tre aziende, tutte con sede estera, che ancora producono il farmaco. E anche sul fronte delle farmacie, si apprende da una comunicazione di Federfarma Campania è stato siglato un accordo ad hoc per gestire la momentanea emergenza attraverso l'acquisto all'estero da parte della Regione e la distribuzione ai cittadini attraverso le farmacie. «Le farmacie della Campania - ha detto il presidente di Federfarma Campania, Nicola Stabile - considerata l'emergenza, hanno aderito alla richiesta della Regione mettendo da parte qualsiasi riscontro di carattere economico. Noi farmacisti, anche in questa occasione, mettiamo in campo la capillarità della rete delle farmacie e gli elevati standard di qualità e professionalità. Un accordo raggiunto nella nuova e più rafforzata collaborazione con il governo regionale. La farmacia conferma, anche in questa occasione, il proprio ruolo fondamentale affiancando il servizio sanitario regionale».

Nell'interrogazione è stato sottolineato come "l'indisponibilità di tali medicinali e la mancanza di scorte nelle farmacie e negli ospedali ha determinato, in molte Regioni italiane, una situazione di emergenza e un grave pericolo per la salute dei cittadini dal momento che, in caso di ferite, non vi sarebbero rimedi contro il rischio di contrarre il tetano con notevoli ripercussioni in termini di sicurezza nazionale" e sulla scorta di queste considerazione è stato chiesto al ministro "quali iniziative di competenza intenda assumere, al fine di fronteggiare in modo efficace le rilevanti criticità esistenti in merito all'approvvigionamento dei medicinali e garantirne una copertura ottimale su tutto il territorio nazionale".
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Garattini S., Bertelè V. Farmaci sicuri
vai al download >>

SUL BANCO