Sanità

ott282019

Carenza vitamina D, nuova nota Aifa: ecco i criteri di prescrivibilità in Ssn

Carenza vitamina D, nuova nota Aifa: ecco i criteri di prescrivibilità in Ssn

La nota 96 dell'Aifa sulla prevenzione e il trattamento della carenza di Vitamina D, introduce nuovi criteri regolatori per la prescrivibilità a carico del Ssn

Novità per i medicinali per la prevenzione e il trattamento della carenza di Vitamina D: nell'ambito delle attività di rivalutazione dell'appropriatezza prescrittiva, è stata istituita da parte di Aifa una nuova nota, la 96, con la quale sono stati introdotti, sulla base delle evidenze scientifiche, nuovi criteri regolatori per la loro prescrivibilità a carico del Ssn, limitatamente, al momento, alla popolazione adulta.
A darne notizia, il sito dell'Agenzia, che rende noto come sia in atto, da parte della Commissione Tecnico-Scientifica, "un analogo processo di rivalutazione degli stessi farmaci anche nella popolazione pediatrica", per i quali, tuttavia, fino a quando il processo non sarà eventualmente ultimato, "restano al momento invariate le condizioni di rimborsabilità a carico del SSN". Il provvedimento, a ogni modo, è contenuto nella determinazione n. 1533/2019 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Serie generale n. 252 del 26 ottobre 2019) e riguarda colecalciferolo, colecalciferolo/sali di calcio, calcifediolo. D'altra parte, secondo quanto si apprende nell'Allegato, «l'apporto supplementare di vitamina D eÌ uno dei temi più dibattuti in campo medico, fonte di controversie e di convinzioni tra loro anche fortemente antitetiche».


I contenuti della nota

Secondo quanto si legge nella determinazione, "la prescrizione a carico del SSN dei farmaci con indicazione "prevenzione e trattamento della carenza di vitamina D" nell'adulto (>18 anni) eÌ limitata prevenzione e trattamento della carenza di vitamina D" in determinati scenari clinici, che vengono individuati "indipendentemente" o "previa determinazione della 25(OH) D" - per quest'ultimo caso è messa a disposizione una flow chart.
Gli scenari clinici appartenenti alla prima casistica (con individuazione "indipendentemente dalla determinazione della 25(OH) D") sono:
- persone istituzionalizzate;
- donne in gravidanza o in allattamento;
- persone affette da osteoporosi da qualsiasi causa o osteopatie accertate non candidate a terapia remineralizzante (vedi nota 79).

Gli scenari "previa determinazione della 25(OH) D" sono:
- persone con livelli sierici di 25OHD < 20 ng/mL e sintomi attribuibili a ipovitaminosi (astenia, mialgie, dolori diffusi o localizzati, frequenti cadute immotivate);
- persone con diagnosi di iperparatiroidismo secondario a ipovitaminosi D;
- persone affette da osteoporosi di qualsiasi causa o osteopatie accertate candidate a terapia remineralizzante per le quali la correzione dell'ipovitaminosi dovrebbe essere propedeutica all'inizio della terapia (le terapie remineralizzanti dovrebbero essere iniziate dopo la correzione della ipovitaminosi D);
- una terapia di lunga durata con farmaci interferenti col metabolismo della vitamina D;
- malattie che possono causare malassorbimento nell'adulto.

A ogni modo, si legge ancora, per guidare la determinazione dei livelli di 25OH vitamina D - che comunque non deve essere intesa come procedura di screening e non eÌ indicata obbligatoriamente in tutte le possibili categorie di rischio - e la conseguente prescrizione terapeutica eÌ possibile fare riferimento alla Guida riportata nella Nota, che contiene una flowchart che esemplifica le casistiche. Nella determinazione, poi, è riportata una disanima del contesto, delle evidenze disponibili, delle avvertenze. Viene infine richiamata "l'importanza della segnalazione delle reazioni avverse che si verificano dopo la somministrazione dei medicinali".

Francesca Giani
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO