Sanità

mar102016

Case salute Lazio. Mmg: tabella di marcia rispettata, a regime a Luglio

Case salute Lazio. Mmg: tabella di marcia rispettata, a regime a Luglio
«Le Case della salute sono solo un passaggio della trasformazione della medicina territoriale laziale, la Regione ha investito ancora prima su un sistema di copertura delle emergenze territoriali nei festivi e prefestivi e lo sta realizzando; a partire da quello a luglio avremo un sistema di unità complesse di cure primarie e case della salute, capace di coprire anche sabati e domeniche e di garantire un'offerta di prestazioni specialistiche pari fino al 30% in più dell'attuale». Pierluigi Bartoletti, vicesegretario nazionale Fimmg e conoscitore dei temi sanitari laziali, dissente dalle notizie apparse sui giornali secondo cui la Regione non starebbe rispettando il tabellino di marcia nell'istituzione di presidi di riferimento territoriali (case della salute, appunto) dove mettere a disposizione del paziente medici di famiglia, specialisti, pediatri, e la possibilità di effettuare esami di diagnostica. I numeri non sono esaltanti, delle 19 case della salute annunciate su Roma per questo periodo due anni fa, una per distretto, ne sono state realizzate solo 3: Ostia, Torrenova-Tor Vergata e Fra Albenzio-zona Ovest. Ora se ne dovrebbero aggiungere altre tre a Cinecittà-Don Bosco, circonvallazione Nomentana e Labaro sulla Cassia. «Il ritardo è imputabile alla difficoltà di finanziare queste strutture in un contesto difficile (regione in piano di rientro ndr) e all'individuazione delle zone da servire prioritariamente. Ma in questi due anni - chiarisce Bartoletti - Regione e medicina generale sono riuscite a realizzare la copertura 7 giorni su 7: a Roma ben 60 mila accessi all'anno sono distribuiti su sabato, domenica e festivi nei 18 distretti su 19 dove i mmg si recano "extraorario" per un compenso aggiuntivo di 34 euro all'ora. Contestualmente, in tutta la regione si stanno costituendo le unità complesse di cure primarie con medici di famiglia ed altre figure a seconda di cosa serve al territorio: entro luglio a Roma 400 Uccp dal lunedì al venerdì assicureranno la copertura H12, realizzata da medici di famiglia in extra-orario (l'indennità Ucp prevista dal precedente accordo regionale è di euro 6,73/ora). Diciannove di queste Uccp anziché orbitare su uno studio convenzionato di riferimento entreranno nelle Case della Salute abbozzate una per distretto ed espletare la copertura H12 sette giorni su sette; e in più si dovrebbe aggiungere in tutti questi presidi l'assistenza nei festivi. In pratica il ritardo non ha inciso sulla rivoluzione organizzativa». E sul servizio al paziente, l'aumento dell'offerta dei servizi di diagnostica? «Qui c'è un altro problema che contiamo di risolvere anche prima dobbiamo inserire diagnostica nelle Case della salute e concordare anche con ospedali pubblici e privati quantità e modalità dell'offerta di pacchetti di esami per le cronicità». «Già oggi nella Casa della Salute di Ostia per la Bpco -dice Bartoletti - si espletano in unica seduta gli esami prescritti al paziente in un solo pacchetto standard, e non separati. Così si ottimizza la presenza degli specialisti in uno stesso giorno sostenendo costi più bassi. La stessa cosa si fa in ambiente ospedaliero: pacchetti di esami per il paziente cardiopatico e per il diabetico. Occorre riprodurre il modello su tutto il territorio, ma per far questo occorre accordarsi con tutte le strutture che offrono le prestazioni richieste. Come Fimmg sosteniamo questo obiettivo che la Regione conta di raggiungere dopo Pasqua. Uscito un provvedimento in merito, potremo attrezzare tutte le case della salute per un'offerta di servizi che andrà a coprire fino a circa un 30% dei bisogni della popolazione. E' chiaro che siamo di fronte a una logica che nella Casa della Salute mette quello che serve, non molto altro. Ma stiamo aumentando l'offerta di servizi senza intaccare la capillarità degli studi medici».

Mauro Miserendino
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Giua - Inquadramento clinico e gestione dei disturbi minori in farmacia
vai al download >>

SUL BANCO