Sanità

lug202020

Ccnl dipendenti, Convenzione e remunerazione. FarmacieUnite: obiettivi irrinunciabili contro logiche del capitale

Ccnl dipendenti, Convenzione e remunerazione. FarmacieUnite: obiettivi irrinunciabili contro logiche del capitale

Il sindacato FarmacieUnite: con l'ingresso del capitale nelle farmacie la preoccupazione è che a fronte di una perdita di fatturato vengano tagliati i costi e il personale

Il capitale segue ferree regole del mercato e a fronte di una perdita di fatturato non può che reagire tagliando i costi di cui il personale è una delle voci più importanti, la preoccupazione è che ciò possa accadere anche in Italia, con l'ingesso del capitale nelle farmacie, pertanto devono essere obiettivi irrinunciabili il rinnovo della convenzione, della remunerazione e del contratto nazionale dei farmacisti al fine di armonizzare il settore a seguito delle liberalizzazioni. È questo il sollecito espresso dal direttivo di FarmacieUnite sindacato indipendente dei titolari di farmacia, a commento anche di quanto sta accadendo nel gruppo Wallgreens Boots Alliance che ha annunciato un processo riorganizzazione della struttura dei dipendenti degli store Boots che riguarderà più di 4.000 posti di lavoro (il 7% della forza lavoro).

Farmacisti dipendenti risorsa irrinunciabile

Il sindacato sottolinea come Boots, a causa del crollo del numero di scontrini emessi e del fatturato per l'emergenza sanitaria Covid-19, avvierà i tagli dei posti di lavoro nel Regno Unito per poter investire su altri punti strategici per il gruppo: "Ciò consentirà alla multinazionale - ricorda una nota di FarmacieUnite - di poter investire maggiormente nell'offerta online che ha visto un aumento del 78% degli ordini durante la pandemia. Il capitale e le società quotate seguono le ferree regole del mercato e, di fronte ad una perdita di fatturato, non possono che reagire tagliando i costi di cui il personale, come sappiamo, è una delle voci più importante". Secondo FarmacieUnite, "i collaboratori sono una risorsa irrinunciabile e, quali professionisti della salute con una concessione dello stato, siamo disposti ad investire (ove possibile) per mantenere gli alti livelli di servizio forniti ai clienti e sostenere la nostra attività. È ovvio che anche noi siamo costretti a confrontarci con le logiche del mercato, ma cerchiamo sempre di privilegiare l'aspetto etico della nostra funzione".

Settore esposto a pure logiche di mercato

FarmacieUnite sottolinea che con l'arrivo in forma sostanziale anche in Italia del capitale in farmacia, c'è il "concreto il rischio che le logiche di puro mercato portino ad un impoverimento sia della professione che del servizio offerto al cliente". Da qui il sollecito a proseguire le trattative su tutti i fronti: "È necessario porsi come obiettivi irrinunciabili il rinnovo della convenzione, della remunerazione e il rinnovo del contratto nazionale dei farmacisti così da armonizzare il settore rispetto al nuovo assetto del canale farmacia a seguito delle liberalizzazioni. Questi temi devono essere trattati con priorità ed urgenza per dare tranquillità e visione sul futuro sia ai titolari delle farmacie che agli oltre 60.000 collaboratori e dare la possibilità a tutte le farmacie di mantenere l'attuale elevato grado di servizio offerto ai cittadini 24 ore su 24, 365 giorni all'anno".
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO