farmaci

lug162019

Celiachia, carenze nutrizionali unico segno della malattia non diagnosticata

Celiachia, carenze nutrizionali unico segno della malattia non diagnosticata

Celiachia, nei pazienti che soffrono della patologia non diagnosticata le carenze nutrizionali costituiscono un campanello d'allarme

Secondo uno studio pubblicato su Mayo Clinic Proceedings, gli adulti che soffrono di celiachia ma non hanno ricevuto una diagnosi spesso presentano carenze nutrizionali come unico segno della malattia. «Le persone hanno idee preconcette su come si presenti la patologia celiaca. Molti medici si aspettano di vedere pazienti magri a causa del malassorbimento e della diarrea. Ma ci sono anche parecchi individui che non perdono peso, e addirittura alcuni in sovrappeso, ma che hanno comunque carenze di micronutrienti» spiega Joseph Murray, della Mayo Clinic di Rochester, Minnesota, autore senior dello studio. «In pratica, anche se non perdono calorie, non assorbono alcuni nutrienti vitali, per cui i medici devono essere alla ricerca di bassi livelli di ferro, vitamina D e zinco, in particolare» aggiunge. Nel loro studio, i ricercatori hanno studiato 309 adulti con nuova diagnosi di celiachia tra il 2000 e il 2014. I pazienti sono stati confrontati in base all'età con i partecipanti al National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES), un database rappresentativo a livello nazionale e sono emerse grandi differenze nei livelli di nutrienti. Lo zinco è risultato carente nel 59,4% dei celiaci rispetto al 33,2% dei controlli, il rame è risultato basso nel 6,4% dei pazienti celiaci rispetto al 2,1% dei controlli, il folato basso nel 3,6% dei pazienti celiaci rispetto allo 0,3% dei controlli e la vitamina B12 bassa nel 5,3% dei pazienti celiaci rispetto all'1,8% dei controlli. Il ferro è risultato basso nel 30,8% dei pazienti celiaci, ma non c'erano controlli con cui effettuare un confronto per questo valore. In disaccordo con le tradizionali associazioni tra celiachia e magrezza, si è osservata una perdita di peso solo nel 25,2% dei pazienti con diagnosi della malattia. Gli autori sperano che il loro studio servirà a ricordare ai medici di base che solo perché una persona è in sovrappeso non significa che non abbia la celiachia se presenta carenze nutrizionali. «Poiché molti pazienti non fanno regolarmente esami del sangue, potrebbe essere inoltre utile tenere presente che la sensazione di stanchezza, di cui spesso le persone si lamentano col curante, può rivelare proprio una carenza di ferro» concludono gli esperti.

Mayo Clinic Proceedings 2019. Doi: 10.1016/j.mayocp.2018.11.036
https://www.mayoclinicproceedings.org/article/S0025-6196(19)30121-1/fulltext
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO