Sanità

feb142019

Coaching per giovani farmacisti per aspirare a incarichi di rappresentanza

Coaching per giovani farmacisti per aspirare a incarichi di rappresentanza
Investire sui giovani farmacisti con un percorso formativo mirato a fornire gli elementi conoscitivi di scenari, regole e relazioni necessari per poter ricoprire incarichi di rappresentanza della categoria. È l'obiettivo del nuovo progetto formativo avviato dagli ordini dei Farmacisti piemontesi e Federfarma Piemonte rivolto ai colleghi che intendano proporsi come "figure di rappresentanza della categoria: un percorso sicuramente impegnativo ma altrettanto fondamentale per costruire un futuro per la professione e la categoria". Si tratta di un master articolato in tre anni, si legge una nota, Coaching X Pharmacist che intende formare un gruppo di giovani farmacisti trasferendo loro le competenze specifiche in ambito gestionale, politico ed istituzionale, tali da consentire loro di affiancarsi agli attuali dirigenti della categoria e nel tempo continuarne il lavoro.

Nel percorso di formazione, ciascun anno è dedicato ad uno specifico coaching. Nel primo anno, di Professional Coaching, verranno individuate e sviluppate le abilità di ogni farmacista per potenziarne la capacità di ottenere risultati nel proprio ruolo professionale. Nel secondo anno, di Regional Coaching, verranno approfondite le conoscenze relative alle relazioni con la dimensione amministrativa locale e legislativa regionale. In particolare, verranno analizzati i rapporti che il mondo della farmacia ha con i Comuni, le Aziende sanitarie locali e con la Regione Piemonte nonché le competenze e gli ambiti di azione in ciascun settore. Nell'ultimo anno, di Institutional Coaching, verranno approfonditi i rapporti con le Federazioni a livello nazionale per conoscere quali siano gli stakeholder coinvolti nei processi decisionali, quali le regole che indirizzano le politiche sanitarie del nostro Paese, quali i percorsi normativi parlamentari che inquadrano tali politiche.

I posti disponibili sono 20 e la frequenza è obbligatoria; per il primo anno sono previsti 12 incontri tra maggio e luglio p.v. «Un progetto ambizioso che investe sui giovani - spiega Mario Giaccone, presidente dell'Ordine dei Farmacisti di Torino e Provincia - supportandoli, innanzitutto, nella costruzione di quelle che sono le competenze cruciali per lo sviluppo del comparto farmaceutico, in cui la formazione frontale rappresenterà solo una piccola parte: i partecipanti, infatti, saranno coinvolti in un percorso di crescita personale, professionale e in una prospettiva di progresso, sempre più al passo con i tempi. Puntare sulla conoscenza significa qualificare la preparazione della futura classe dirigente, guardando al futuro e investendo sulla capacità di gestione di fenomeni complessi, fornendo, al tempo stesso, una risposta a chi vuole mettersi in gioco per costruire la farmacia del domani».

Il bando è disponibile sul sito dell'Ordine dei Farmacisti della provincia di Torino (www.ordinefarmacisti.torino.it, sezione Concorso e Bandi). Le iscrizioni dovranno pervenire entro il 9 marzo 2019. La contribuzione individuale è di 1500 euro, di cui 500 euro per il primo anno. Per informazioni ed eventuali comunicazioni ci si può rivolgere a Paola Brusa, Ordine dei Farmacisti di Torino, Coordinatrice del Master, (e-mail paola.brusa@unito.it ) e a Stefania Cardon, Ordine dei Farmacisti di Torino, Funzionario Amministrativo (tel. 011658582, e-mail segreteria@ordinefarmacisti.torino.it  
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO