Dalle aziende

Per contrastare la sindrome dell'occhio secco - Proflora




Un recentissimo studio sulla Sindrome dell'occhio secco (Dry Eye Desease: DED) che porta - tra le altre - la firma del Professor Giuseppe Chisari (dell'Università degli Studi di Catania) e pubblicato a giugno 2016 sulla rivista Minerva Oftalmologica - dimostra l'utilità dell'utilizzo dei probiotici - in particolare di Proflora GUNA, integratore alimentare simbiotico costituito da 6 diversi ceppi probiotici, con fibra prebiotica allo scopo di riequilibrare l'ecosistema intestinale - per la riduzione della patologia e per il miglioramento delle qualità di vita dei pazienti.




Confezione: confezione da 30 bustine da 2,5 g (simbiotico)

Caratteristiche di prodotto

Proflora™è in grado difavorire il riequilibrio della microflora intestinalenel caso in cui la sua composizione sia stata alterata da: alimentazione impropria, terapie antibiotiche, diarrea, alcool, stress psico-fisico. Grazie all'impiego di un innovativo processo produttivo brevettato, i 6 ceppi di microrganismi probiotici contenuti in Proflora™, si presentano in formamicroincapsulata gastroprotetta.
L'impiego di questa tecnologia migliora decisamente la capacità di sopravvivenza di tutti i ceppi probiotici durante il transito gastroduodenale, consentendo in tal modo il raggiungimento dell'intestino da parte di un elevato numero di microrganismi vivi e vitali.

Formulazione

La componente probiotica appartiene sia al genere Bifidobacterium che Lactobacillus ed ha caratteristiche metaboliche tali da creare un effetto sinergico che assicura una pronta colonizzazione dei diversi segmenti intestinali (fenomeno che si protrae nel tempo in seguito all'elevata capacità adesiva dei ceppi alla mucosa epiteliale, in particolare grazie alla presenza del Lactobacillus salivariusLS03). Tra i 6 ceppi probiotici vi sono Lactobacillus rhamnosusLR06 e Lactobacillus plantarumLP02, entrambi in grado di produrre sostanze attive limitanti i batteri coliformi.
La componente prebiotica è costituita da frutto-oligosaccaridi(FOS), in grado di stimolare selettivamente lo sviluppo dei ceppi probiotici presenti in Proflora™ e di tutti i gruppi microbici benefici della microflora intestinale autoctona. Non essendo idrolizzati dagli enzimi digestivi, né assorbiti dalla mucosa del piccolo intestino, i FOS riescono a giungere intatti nel colon dove vengono fermentati selettivamente dalla componente benefica della microflora intestinale, in particolare dai Lattobacilli e Bifido batteri. I FOS svolgono, inoltre, un ruolo positivo sul metabolismo dei carboidrati e dei lipidi, migliorano la struttura della mucosa intestinale aumentandone l'effetto "barriera" e favoriscono l'assorbimento di alcuni minerali, in particolare calcio e magnesio.

Modalità d'uso

1 bustina diProFloraTMal giorno, preferibilmente almeno mezz'ora prima dei pasti: sciogliere il contenuto della bustina in circa mezzo bicchiere di acqua a temperatura ambiente, mescolare con cura ed assumere immediatamente.

Una bustina di Proflora™ garantisce l'apporto di non meno di 2 miliardi di cellule probiotiche vive. La quantità dei ceppi probiotici è garantita fino alla scadenza commerciale indicata in etichetta, a condizione che il prodotto venga conservato in confezione originale integra, a temperatura non superiore a 25°C.
 
 
ProFloraTM non contiene glutine, lattosio, glucosio e sostanze potenzialmente allergizzanti, in conformità con la Regolamentazione europea.

Per saperne di più: http://www.guna.com/
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Raccomandazioni sulla gestione della rinite allergica in farmacia
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Ascioti - Reparto dermocosmetico - Guida al cross-selling
vai al download >>

SUL BANCO