Formazione

Otite sintomi, cause e terapie

L'otite è un processo infiammatorio dell'orecchio. Può localizzarsi nel condotto uditivo che mette in comunicazione il padiglione auricolare con l'orecchio medio (otite esterna) o più in profondità, tra il timpano e l'orecchio interno (otite media), all'interno della cavità che contiene la catena dei tre ossicini dell'udito.

Sintomi
I sintomi principali sono dolore pulsante all'orecchio (otalgia), arrossamento del padiglione auricolare, prurito, formazione di pus e sangue che fuoriescono del condotto (otorrea), calo d'udito. Più raramente febbre. E' una delle patologie più frequenti nei bambini nei quali la presentazione è più spesso bilaterale; i neonati con il mal d'orecchio tendono a scuotere il capo, il loro pianto è inconsolabile e mostrano sollievo se si appoggia un panno caldo sulla parte dolente. Tra le complicanze dell'otite acuta c'è la perforazione della membrana timpanica che provoca la fuoriuscita di pus e la remissione immediata del dolore. L'otite media purulenta può anche diffondersi alle strutture posteriori della mandibola (mastoidite) ma è un'evenienza rara.

Cause
L'otite colpisce soprattutto in età pediatrica ed è causata per lo più da batteri e virus, meno spesso da micosi. L'accumulo di secrezioni infette nel condotto uditivo e nella cavità del timpano può dipendere da un'infezione delle prime vie respiratorie che provoca un blocco delle trombe di Eustachio e un accumulo di siero infetto nell'orecchio medio. Una forma abbastanza comune è l'otite legata all'attività natatoria (otite del nuotatore) causata dal contatto con acqua contaminata che resta intrappolata nel condotto uditivo favorendo la macerazione della cute e la proliferazione di microrganismi patogeni. Altri fattori di rischio per l'otite esterna e cronica sono l'uso di bastoncini di cotone o altri oggetti per la pulizia, gli auricolari o le protesi. Nei bambini i fattori di rischio sono la frequenza in comunità, l'allattamento artificiale, l'esposizione al fumo passivo e l'uso del succhiotto.

Terapie
Nella maggior parte dei casi l'otite acuta guarisce spontaneamente in pochi giorni senza assumere farmaci. Se il timpano non è perforato può essere utile adoperare gocce analgesiche o antinfiammatorie da instillare localmente. Il ricorso a farmaci sistemici come gli antibiotici deve essere consigliato dal medico anche per evitare la comparsa di resistenze a questi antibatterici.

Domande essenziali
La sintomatologia ha avuto un esordio acuto?
La membrana timpanica è visibile con un otoscopio?
È presente essudato nell'orecchio medio?

Veronica ha 4 anni, nei mesi invernali ha spesso l'otite. La sua mamma ogni volta insiste con il pediatra per farsi prescrivere un antibiotico ma il medico le dice che è meglio aspettare un paio di giorni e di usare solo degli antidolorifici per calmare il dolore.
 
    Cosa dovrebbe fare la mamma di Veronica?

A

Cambiare pediatra

B

Attenersi al periodo di vigile attesa

C

Non mandare più Veronica all'asilo

A cura di Marvi Tonus

Bibliografia

Otite Media Acuta: dalla diagnosi alla prevenzione Società Italiana di Pediatria
Informazioni sui farmaci numero 2-3 - 2001 Trattamento dell'otite media acuta


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO