Formazione

Varicocele: presentazione, diagnosi, trattamento

Presentazione
Il varicocele si presenta come un gruppo di vene gonfie e palpabili (varici venose) all'apparenza simili a un pacchettino di vermi sul testicolo. Nell'85 per cento dei casi il varicocele si trova sul testicolo sinistro. Da questo lato, infatti, la vena testicolare sbocca nella vena renale che è priva di valvola antireflusso e che, per conformazione angolare, risulta più spesso compressa interferendo con il regolare deflusso di sangue dallo scroto.

Sintomi e diagnosi
Nella maggior parte dei casi il varicocele è asintomatico perché la dilatazione delle vene è lieve. Quando si manifesta si caratterizza per una sensazione di pesantezza o un dolore localizzato al testicolo, soprattutto dopo l'esercizio fisico, un rapporto sessuale, una stasi prolungata o quando fa caldo. La diagnosi, spesso casuale, si ottiene con un esame obiettivo dei testicoli e un'ecografia dello scroto utile per escludere altre cause che potrebbero motivare il rigonfiamento testicolare, come la torsione del testicolo, l'orchite, l'epididimite. il tumore.

Trattamento
Le vene dilatate del varicocele provocano un innalzamento di pochi gradi della temperatura dello scroto interferendo con la produzione di spermatozoi e di sperma. Una delle possibili conseguenze è perciò un danno alla funzione testicolare con ripercussioni sulla fertilità maschile. Il 40 per cento di uomini che soffre di sterilità ha il varicocele. In assenza di disturbi non è però necessario trattarlo. Quando invece rappresenta un fattore di rischio per la funzione riproduttiva può essere opportuno valutare la necessità di correggerlo con un intervento chirurgico specifico per bloccare le vene testicolari dilatate e costringere il sangue venoso a un percorso alternativo.

Domande essenziali

  • Da che lato si manifesta più spesso il varicocele?
  • È sempre sintomatico?
  • Quali sono le conseguenze del varicocele?

Ferdinando ha 34 anni è sposato da due anni, cerca di concepire un bambino ma sua moglie non riesce a rimanere incinta. Gli hanno diagnosticato un varicocele ma non avendo alcun fastidio è indeciso se sottoporsi all'operazione perché non è convinto che sia la causa della sua infertilità.
 
    La valutazione di Ferdinando è corretta?

A

Sì, anche se la produzione di sperma migliorasse dopo l'operazione non è certo che l'operazione sia risolutiva per la sterilità

B

No, il varicocele è sempre la causa principale di infertilità.

C

Occorre anche considerare il parere della moglie

Marvi Tonus


Bibliografia
Wesley M White, MD et al. Medscape
Società Italiana di Urologia

discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Raccomandazioni sulla gestione della rinite allergica in farmacia
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Ascioti - Reparto dermocosmetico - Guida al cross-selling
vai al download >>

SUL BANCO