Formazione

Orzaiolo

È un'infezione determinata da un processo flogistico acuto a carico delle ghiandole sebacee o sudoripare dei follicoli delle palpebre. Può essere interno (evento raro e più grave) o esterno in base alla localizzazione

Cause
L'infezione è causata dai agenti batterici, il più frequentemente implicato è lo Stafilococcus aureus.

Presentazione
L'orzaiolo si manifesta con gonfiore, arrossamento della palpebra, dolore e sensazione di corpo estraneo per la comparsa di una piccola massa dura e tondeggiante, simile a un piccolo brufolo, sulla parete interna o esterna del margine palpebrale. Questi sintomi possono essere accompagnati da fotofobia e lacrimazione. Al centro compare un puntino giallo che segnala la maturazione dell'orzaiolo. Il calazio è invece una cisti granulosa che si forma per un'infiammazione cronica della ghiandola di Meibomio il cui dotto escretore si ostruisce.

Prevenzione
Il principale fattore di rischio per l'orzaiolo è rappresentato dalla diffusione dei batteri alle palpebre quindi si consiglia di non stropicciare gli occhi con le mani se non sono state lavate con cura. Può essere utile di tanto in tanto pulire le palpebre dal grasso che si deposita sui bordi dell'occhio. La recidiva purtroppo è frequente soprattutto in caso di allergie, diabete, immunodepressione, terapia con corticosteroidi, disturbi ormonali.

Trattamento
Si utilizzano colliri o pomate oculari a base di antibiotici prescritti dal medico oculista se la lesione è drenante. Nel giro di pochi giorni si dovrebbero verificare la rottura spontanea, il drenaggio e il riassorbimento dell'orzaiolo e l'attenuazione dei sintomi in concomitanza con la guarigione dell'infezione. È fortemente sconsigliato incidere da soli l'ascesso per evitare il propagarsi dell'infezione.

Domande essenziali
· Quali sono i sintomi dell'orzaiolo?
· Quali sono i fattori di rischio?
· L'orzaiolo è contagioso?

Il signor Giordano soffre di un'infiammazione cronica delle ghiandole di Meibomio il cui dotto escretore si ostruisce. Spesso si forma un rigonfiamento all'interno o sul bordo della palpebra quasi mai doloroso che tende a risolversi spontaneamente
 
    È un orzaiolo?

A


B

No


Marvi Tonus

Bibliografia

· Azzolini C et al. Clinica dell'Apparato Visivo II edizione Masson


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Sacchetti E., Clerici M. La depressione nell'anziano
vai al download >>

SUL BANCO