FITOTERAPIA

giu142019

Declino cognitivo e memoria, un aiuto dal rosmarino. Ma alle giuste dosi

Dalla somministrazione di foglie secche si ottengono risultati positivi nei test mnemonici, con risultati statisticamente superiori al placebo ma se si superano le dosi gli effetti sono negativi

Declino cognitivo e memoria, un aiuto dal rosmarino. Ma alle giuste dosi
Una pianta utilizzata prevalentemente in gastronomia, può avere effetti benefici per la salute? È la domanda che probabilmente si sono posti Butler e Snow quando hanno voluto valutare gli effetti del rosmarino sul declino cognitivo degli anziani.
Lo studio prevedeva la somministrazione di foglie secche di rosmarino incapsulate alla dose di 750mg/die. Dopo l'assunzione si sottoponevano gli anziani volontari a test mnemonici, con risultati statisticamente superiori al placebo. Dosi più elevate, invece, hanno avuto effetti negativi.
A prima vista può sembrare un controsenso, ma invece è significativo considerare che l'effetto benefico si manifesta a dosi pari a quelle abitualmente utilizzate in ambito culinario.
L'effetto positivo sulla memoria non riguarda solo gli anziani: anche negli studenti si è osservato un miglioramento delle performance cognitive. Non solo, i giovani pazienti risultavano anche più tranquilli, meno depressi e con una qualità del sonno migliore. La dose era sempre pari a quella che potremmo utilizzare in gastronomia (500mg).
Nella medicina popolare è anche utilizzato per trattare affezioni del tratto biliare e dismenorrea, così come carminativo e antispastico: si pensi che studi in vivo hanno confermato la capacità del rosmarino di rilasciare lo sfintere di Oddi precedentemente contratto da morfina.

Rimane da chiedersi quale rosmarino abbiano utilizzato gli studiosi. Infatti, se è vero che in farmacopea è indicata un'essenza di rosmarino titolata in borneolo totale tra il 10 e 15%, questa è sola una delle possibili essenze di rosmarino presenti sul mercato.Le altre cultivar producono un olio essenziale ricco di eucaliptolo o ricco di canfora. Da qui i differenti utilizzi: digestivo e coleretico se ricco di borneolo, mucolitico e digestivo nel caso dell'eucaliptolo, antireumatico ma tossico sul sistema nervoso quando abbonda la canfora.
Quali i possibili effetti collaterali dell'uso del rosmarino, quindi? Oltre a possibili fenomeni di ipersensibilità individuale, si presti attenzione nell'uso in gravidanza o allattamento (riduzione impianto dello zigote) e nel periodo pre-operatorio. Se si utilizza l'olio essenziale a forte presenza di canfora, è controindicato nei pazienti che soffrono di epilessia, in quanto pro-convulsivante. L'estratto di rosmarino contiene anche altri metaboliti secondari quali acido rosmarinico e flavonoidi.
É anche un potente antiossidante, utilizzato a tal fine sia dall'industria alimentare (E392) sia come protettivo per I raggi UV. Visto l'inizio della bella stagione e del relativo aumento di esposizione solare, citiamo lo studio di Sanchez e Lozano. I ricercatori si sono concentrati su un solo componente dell'estratto di rosmarino: l'acido rosmarinico, considerandolo nella doppia veste di antiossidante e foto-protettore. Studi precedenti suggerivano la sua capacità di aumentare meccanismi scavenger endogeni e di attivare la produzione di melanina. Tali effetti si sono confermati e tradotti in un'inibizione delle alterazioni cutanee causate dall'esposizione a raggi UVA. Tale risultato ha spinto gli autori ad annoverare l'acido rosmarinico tra le molecole foto-protettive.

E parlando di estate, un'ultima curiosità circa il nome comune: il tempo balsamico della pianta si concentra da giugno a luglio e il nome sembra derivare dal latino "ros" e "marinus", ovvero "rugiada del mare".

Luca Guizzon
Farmacista territoriale, esperto di fitoterapia, Farmacia Campedello, Vicenza

Fonti
Complement Ther Clin Pract. 2018 Feb;30:24-28. doi: 10.1016/j.ctcp.2017.11.004. Epub 2017 Nov 13.
J Med Food. 2012 Jan;15(1):10-7. doi: 10.1089/jmf.2011.0005. Epub 2011 Aug 30.
Food Chem Toxicol. 2009 Feb;47(2):386-92. doi: 10.1016/j.fct.2008.11.026. Epub 2008 Nov 30

Approfondimenti
Inalare rosmarino migliora l'efficienza cerebrale
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Frongia - Casettari -Il galenista e il laboratorio
vai al download >>

SUL BANCO