Sanità

mag222018

Contratto di governo, preoccupa assenza della farmacia: un danno per cittadini

Contratto di governo, preoccupa assenza della farmacia: un danno per cittadini
È «preoccupante la totale assenza di riferimenti al ruolo delle farmacie sul territorio, unitamente all'intenzione di recuperare le risorse economiche per il Servizio sanitario nazionale, vale a dire risparmiare, grazie alla revisione della governance farmaceutica, in uno scenario in cui stanno scomparendo i presidi di assistenza sanitaria. A dirlo in un'intervista a Farmacista33 è l'onorevole Marcello Gemmato farmacista eletto alla Camera (FdI) commentando il punto 20 relativo alla Sanità del cosiddetto "Contratto per il Governo" tra Movimento 5 Stelle e Lega Nord. «Preoccupa che non si riconosca la funzione e la centralità della farmacia come presidio sanitario soprattutto in un momento in cui ci sono sempre meno presidi territoriali di assistenza sanitaria - sottolinea il deputato - E che la nostra professione non venga minimante presa in considerazione nel processo di razionalizzazione e di rilancio del Ssn - sottolinea. Come professionista opero in un territorio, la Puglia, dove sono stati chiusi 50 punti di assistenza, in piccoli centri. Chi garantisce l'accesso al Ssn se non le farmacie convenzionate? Ma la presenza capillare e omogenea sul territorio, garantita dalla pianta organica, dal centro cittadino urbano al paesino di montagna, sprovvisto di qualsiasi presidio sanitario, non viene preso minimamente in considerazione. Se questo ruolo non ci viene riconosciuto da chi andrà a governare significa non essere percepiti come un valore. Quando non si parla di te ti devi preoccupare». Secondo Gemmato va «aumentata la soglia di attenzione e va evidenziato che se si attacca la farmacia o la si mortifica, si fa un danno al cittadino perché si smantella un servizio per molti motivi efficace. In questa fase possiamo solo denunciare, per atti concreti bisognerà aspettare che il Governo si definisca. Sono convinto che il sistema farmacia sia l'anello forte della catena della salute in Italia e non può e non deve essere smantellato». E conclude: «Il dialogo con la professione c'è ed è continuo. Ed è assolutamente condivisibile il richiamo all'unità perché insieme si può dare una risposta in una logica di difesa dei diritti dei cittadini».

Simona Zazzetta
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Garattini S., Bertelè V. Farmaci sicuri
vai al download >>

SUL BANCO