Sanità

lug282017

Convenzione farmacie, c'è atto di indirizzo. Sisac: avvio trattativa a settembre

Convenzione farmacie, c’è atto di indirizzo. Sisac: avvio trattativa a settembre
L'atto di indirizzo è arrivato anche per le farmacie. Lo ha trasmesso il presidente del Comitato di Settore Massimo Garavaglia al Coordinatore Sisac Vincenzo Pomo, e ora da settembre può partire la trattativa per la nuova convenzione delle farmacie ferma da quasi 20 anni. L'arrivo dell'atto in Sisac - correzione alle precedenti versioni del 2014 e 2016 - arriva a poche ore dall'annuncio dell'assessore Garavaglia - il Comitato di Settore è emanazione delle Regioni - di aver dato il via libera al tavolo di contrattazione tra rappresentanze dei farmacisti pubblici e privati e Sisac. E giunge in concomitanza con l'emanazione dei nuovi testi per la medicina convenzionata e per il comparto della dipendenza del Servizio sanitario: a questo punto i tavoli si insediano a settembre (ma l'esperienza dice che dall'approdo di un atto di indirizzo nella sede referente alla sua trattazione passa una media di tre mesi). In attesa di leggere le novità che dovrebbero tener conto delle nuove normative (come il decreto legge Lorenzin in fase di conversione) ricordiamo i punti salienti dell'atto di indirizzo "ufficioso".

Il testo, del quale erano circolate bozze a marzo, prevede una farmacia sempre più integrata nelle reti del Servizio sanitario nazionale, incentivazioni per la consegna dei farmaci a domicilio, e per le prenotazioni di esami in farmacia (e ora di vaccini come da decreto legge), la possibilità di far attivare ai cittadini la tessera sanitaria in farmacia. E ancora: partecipazione della farmacia a campagne vaccinali, di screening, di educazione sanitaria; collaborazione agli avanzamenti nella dematerializzazione delle ricette; e poi, nell'ambito dei nuovi servizi, la collaborazione con i medici di famiglia nel controllo dell'aderenza terapeutica dei pazienti cronici da affiancare a una sempre più assidua attività di farmacovigilanza per la segnalazione di reazioni avverse da farmaci. Lo stesso testo prevede anche che la convenzione faccia rotta verso un elenco unico dei farmaci da distribuire per conto, che possono essere non solo medicinali del prontuario ospedale-territorio, ma anche medicinali di prescrizione specialistica. In Sisac è stato di recente ricordato anche come, a monte delle novità normative previste dalla convenzione, vi sia il nodo della nuova remunerazione delle farmacie; il criterio scelto nel 2012 in tempi di blocco dei contratti che prevedeva una percentuale sul prezzo di produzione e una quota in euro per farmaco dispensato, in luogo del 30,35% attuale sul prezzo di vendita al lordo degli sconti più eventuali ricarichi regionali per la distribuzione per conto, non è mai stato adottato.

In ogni caso, la sede dove parlare di come investire le nuove risorse non è la Sisac ma l'Agenzia del Farmaco-Aifa, e il passaggio appare prioritario alla trattativa convenzionale o quantomeno da affrontare in parallelo. A complicare lo scenario c'è la necessità di valorizzare la farmacia dei servizi. E qui, accanto al tavolo Aifa per la remunerazione e a quello per le convenzioni a "trazione regionale" (il comitato di settore è composto da assessori e gli atti di indirizzo sono emanati dalla conferenza delle regioni) i rappresentanti dei farmacisti siedono a un terzo tavolo a livello nazionale con il governo, al ministero dello Sviluppo economico (MiSe). Ove non si trovassero in sedi governative risorse per l'accordo nazionale delle Farmacie, l'orientamento è che ciascuna regione valorizzi percorsi abbozzati nell'accordo stesso - in particolare aderenza terapeutica e farmacovigilanza -con gli stessi criteri delle nuove attività convenzionali del medico di famiglia, cioè premiando gli sforzi delle farmacie ove siano misurabili l'impatto dei progetti sulla popolazione (in termini di interventi fatti e copertura) e la loro utilità.

Mauro Miserendino
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Schramm - La farmacia online
vai al download >>

SUL BANCO