Sanità

nov142014

Convenzione, in arrivo documento da Regioni: per rinnovo necessarie modifiche normative

Convenzione, in arrivo documento da Regioni: per rinnovo necessarie modifiche normative
Dovrebbero partire settimana prossima le convocazioni per gli incontri tra Regioni e farmacie sulla convenzione, da organizzare entro la fine del mese. E insieme alle convocazioni è in arrivo il documento stilato dalle Regioni dal quale partire per fare osservazioni. «Un percorso, quello della convenzione, su cui le Regioni non nascondono la presenza di difficoltà, anche perché dovrà passare anche attraverso alcune proposte di modifica alla legislazione vigente, cosa che richiede una certa tempistica». A fare il punto Francesco Schito, vicepresidente di Assofarm, e Franco Gariboldi Muschietti, presidente di Farmacieunite, al termine dell'incontro con Claudio Montaldo, presidente del comitato di settore Regioni-Sanità, in cui sono stati toccati vari temi tra cui anche il capitolo della convenzione e della remunerazione, «la cui scadenza era fissata entro fine anno» spiega Schito. «Nell'incontro in sostanza è emerso che prima di attivare il rinnovo della convenzione saranno necessarie alcune modifiche normative al sistema vigente. I contenuti dovrebbero essere chiariti nel documento in arrivo settimana prossima, su cui siamo chiamati a fare le nostre osservazioni. Non è stata nascosta comunque la presenza di difficoltà che mettono qualche dubbio sul fatto che la tempistica possa essere veloce. Per quanto ci riguarda, abbiamo rimarcato l'importanza per noi, dati i tempi probabilmente lunghi, di partire intanto con le sperimentazioni dei progetti che abbiamo presentato sulla pharmaceutical care, in modo che venga evidenziata e dimostrata con scientificità l'efficacia (o meno) dell'intervento del farmacista e che possa essere una base di discussione anche per convenzione e remunerazione». Per quanto riguarda poi le eventuali modifiche normative ventilate, aggiunge Franco Gariboldi Muschietti, presidente di Farmacieunite, «credo si tratterà di indicazioni a tutto campo di interesse del sistema farmaceutico. La cosa non ci stupisce, è chiaro che ridefinire nuovi assetti sul territorio del sistema della distribuzione del farmaco possa richiedere modifiche alla normativa vigente. Sul tappeto d'altra parte le partite sono molte: dai servizi, all'integrazione con le case della salute, al processo di territorializzazione delle cure e di razionalizzazione dei costi».
«Abbiamo fatto già tre incontri preparatori con le Regioni per esplorare le principali tematiche al centro della convenzione» interviene Alfredo Orlandi, presidente Sunifar «e certamente le Regioni hanno preso in esame quanto detto e proposto nei vari colloqui. Si tratterà adesso di armonizzare le esigenze di tutti, delle Regioni e delle farmacie. Siamo in attesa delle convocazioni che arriveranno a breve. Mi rendo conto che il periodo è di particolare fermento, a livello nazionale e per le Regioni, e la tempistica ne dovrà tenere conto. Quanto al sistema, certamente ci sarà da armonizzare gli spunti di novità con l'attuale situazione ma una delle priorità che è stata sottolineata negli incontri è quella di raggiungere il più possibile una situazione di uniformità sull'assistenza farmaceutica nelle varie regioni per i cittadini».

Francesca Giani

discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Raccomandazioni sulla gestione della rinite allergica in farmacia
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Ascioti - Reparto dermocosmetico - Guida al cross-selling
vai al download >>

SUL BANCO