Sanità

mar102017

Convenzione, remunerazione, sostenibilità: le risposte di Farmacia Futura

Convenzione, remunerazione, sostenibilità: le risposte di Farmacia Futura
L'atto di indirizzo per il rinnovo della convenzione nazionale contiene principi condivisibili ma non tutto e comunque parte da un metodo che è necessario cambiare. Lo ha sottolineato il presidente di Federfarma Bergamo Giovanni Petrosillo a margine della presentazione di Farmacia futura, la nuova compagine di categoria presentata ufficialmente ieri a Roma. Uno dei presupposti della nuova compagine è quello di raccogliere le istanze della categoria per identificare le problematiche e costruire una piattaforma e gli obiettivi da raggiungere. Un metodo che finora non è stato seguito, secondo il presidente di Federfarma Bergamo. Lo scenario è molto complesso e, oltre alla convenzione, come spiega Petrosillo va dalla «remunerazione, ai rapporti con gli altri rappresentanti della categoria fino alle riforme in atto sui nuovi modelli organizzativi in sanità». Temi che Farmacia Futura ha analizzato e sui quali ha identificato soluzioni.

Sulla stessa lunghezza d'onda anche il presidente di Federfarma Palermo Roberto Tobia, presente ieri alla presentazione che rivendica la necessità di trovare «strategie alternative» e di «unire le forze che vogliono il bene delle farmacie indipendenti», Alla luce, in particolare dell'approvazione del Ddl concorrenza ormai sempre più imminente. La parola chiave per Tobia è sostenibilità «un problema non indifferente» sottolinea «per il 25% delle farmacie». E sulla difficoltà per le farmacie pone l'accento anche il presidente di Utifar Eugenio Leopardi che sottolinea di seguire «il nuovo progetto con attenzione visto il momento delicato per la farmacia». L'augurio del presidente Utifar è che «ci sia la reale progettualità fino a oggi un po' mancata».


Marco Malagutti
 


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Schramm - La farmacia online
vai al download >>

SUL BANCO