Sanità

feb262020

Coronavirus, nuovo Dpcm riorganizza le disposizioni. Ecco cosa prevede

Coronavirus, nuovo Dpcm riorganizza le disposizioni. Ecco cosa prevede

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il nuovo Decreto del presidente del Consiglio dei Ministri che riorganizza le misure di contenimento di contagio e di gestione dell'emergenza epidemiologica,

In merito all'emergenza nuovo coronavirus, è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale (n.47 del 25 febbraio 2020) il nuovo Decreto del presidente del Consiglio dei Ministri che riorganizza le misure di contenimento di contagio e di gestione dell'emergenza epidemiologica, per le Regioni Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Veneto, Piemonte e Liguria, estendendo alcune delle misure al di fuori degli 11 Comuni epicentro dei focolai. Intanto, a proposito delle zone cosiddette Rosse, è in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale il decreto del Mef di lunedì che prevede la sospensione dei versamenti delle imposte, delle ritenute e gli adempimenti tributari nel periodo compreso tra il 21 febbraio e il 31 marzo per cittadini e imprese che avevano la residenza o la sede legale o operative nei comuni interessati, in data 21 febbraio.


Il contenimento del contagio. In arrivo misure straordinarie per mascherine

Come aveva annunciato il premier Giuseppe Conte, nella conferenza stampa di ieri, è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il nuovo provvedimento per riorganizzare le misure, cercando di «assicurare la massima uniformità di comportamenti. Avremo in sostanza tre livelli: uno già adottato per quelle aree molto circoscritte individuate come epicentri del coronavirus, vale a dire i dieci Comuni del lodigiano e il Comune di Vò Euganeo; un secondo livello riguarda le aree circostanti che presentano alcuni episodi di contagio e poi ci sono quelle zone in cui restano valide solo misure di cautela. Non hanno motivo di sussistere in zone non colpite le sospensioni di attività produttive e scolastiche, mentre verranno sospese le gite d'istruzione».
Inoltre, «stiamo adottando misure straordinarie e urgenti perché le produzioni di dispositivi di protezione individuale, come le mascherine, vadano a soddisfare le nostre esigenze nazionali».


I contenuti della nuova ordinanza

Per quanto riguarda le nuove disposizioni, nel primo articolo si danno indicazioni relative a manifestazioni sportive (sospese in tutti i comuni delle Regioni Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Veneto, Liguria e Piemonte), religiose, gite scolastiche, prove di esame e concorsi, lezioni universitarie. «La riammissione nelle scuole di ogni ordine e grado per assenze dovute a malattia di durata superiore a cinque giorni avviene, fino alla data del 15 marzo 2020, dietro presentazione di certificato medico». La «modalità di lavoro è applicabile in via provvisoria, fino al 15 marzo 2020, per i datori di lavoro aventi sede legale o operativa nelle Regioni Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Veneto e Liguria, e per i lavoratori ivi residenti o domiciliati che svolgano attività lavorativa fuori da tali territori, a ogni rapporto di lavoro subordinato, nel rispetto dei principi dettati dalle menzionate disposizioni, anche in assenza degli accordi individuali ivi previsti». Per il resto, restano in vigore le ordinanze regionali già adottate. Le misure sono valide fino al primo marzo. Intanto, ha ricevuto il via libera dalle Commissione Affari Sociali il Decreto Legge 6/2020 del 23 febbraio che contiene le prime misure prese. Da quanto si apprende dall'house organ della Fofi, «Andrea Mandelli (FI), ha presentato emendamenti, come l'1.3 ed il 2.7, sulla fornitura di dispositivi di protezione individuali a tutela della salute e della sicurezza dei farmacisti che operano nelle aree a rischio. Intanto, questa mattina l'Aula della Camera ha avviato la discussione generale sul provvedimento. L'approvazione è prevista entro la serata».


Le misure sul fisco

In merito invece alle misure di sostegno, come spiega una circolare di Federfarma sul tema, sono contenute nel Decreto del Mef di lunedì. Si prevede la sospensione «dei versamenti delle imposte, delle ritenute e degli adempimenti tributari, che dovranno essere effettuati in unica soluzione entro il mese successivo al termine del periodo. La sospensione riguarda anche le cartelle di pagamento emesse dagli agenti della riscossione e quelli conseguenti ad accertamenti esecutivi. I sostituti di imposta aventi sede legale o operativa in tali comuni non operano le ritenute alla fonte per lo stesso periodo di sospensione». Infine, va ricordato che il Governo ha concordato con l'Abi la sospensione temporanea delle rate dei mutui e dal Mef si prevede uno stanziamento di 20 milioni di euro.

I comuni interessati, sono quelli delle zone rosse oggetti delle prime misure di contenimento:

Per la Lombardia:
· Bertonico (LO)
· Casalpusterlengo (LO)
· Castelgerundo (LO)
· Castiglione D'Adda (LO)
· Codogno (LO)
· Fombio (LO)
· Maleo (LO)
· San Fiorano (LO)
· Somaglia (LO)
· Terranova dei Passerini (LO)

Per il Veneto:
· Vo' Euganeo (PD)

Francesca Giani
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO