Sanità

gen72021

Covid-19, lockdown pesa sulla salute dei farmacisti: post-traumatic disease e burnout

Covid-19, lockdown pesa sulla salute dei farmacisti: post-traumatic disease e burnout

Il lockdown legato alla pandemia Covid-19 ha avuto un impatto negativo sulla salute psicofisica dei farmacisti, le donne hanno riportato sintomi da esaurimento emotivo nel 17% dei casi. L'indagine Sifac

Il lockdown legato alla pandemia Covid-19 ha avuto impatto negativo sulla salute psicofisica dei farmacisti, in particolare le donne, che riportano significativi sintomi post-traumatici stress correlati, sintomi da esaurimento emotivo e burnout significativi nel 17% dei casi. Lo riporta un'indagine pubblicata da Annales Pharmaceutiques Françaises e segnalato dalla Sifac (Società italiana di farmacia clinica) condotta tramite sondaggio sulla base di tre questionari di autovalutazione convalidati: scala dello stress percepito, impatto della scala degli eventi rivisto e Maslach Burnout Inventory su 135 farmacisti di comunità francesi della regione della Normandia.

Farmacisti operatori sanitari più accessibili durante emergenza sanitaria

Ventitré farmacisti hanno riportato sintomi di stress post-traumatico significativi (17%). Sintomi di burnout elevati sono stati riscontrati in 33 soggetti (25%), 46 (34,9%) e 4 (3%) partecipanti (rispettivamente nei tre diversi questionari). Le donne hanno ottenuto punteggi più alti degli uomini per tutti i questionari (P = 0,01). Inoltre, 119 (88,1%) hanno avuto un cambio di organizzazione del lavoro a causa della situazione epidemica (ad esempio il dover attrezzare un'area di attesa dedicata, aree igienizzate, soluzione idroalcolica per i pazienti, etc). Durante il lockdown in qualità di operatori sanitari, i farmacisti hanno avuto un ruolo nel combattere la diffusione del coronavirus aumentando la consapevolezza dei pazienti, in particolare consigliandoli su misure precauzionali e fornendo informazioni appropriate. Inoltre, a volte erano l'unica fonte per fornire materiale di protezione come maschere chirurgiche o soluzione idroalcolica. I farmacisti di comunità sono stati uno degli operatori sanitari più accessibili durante questa crisi della sanità pubblica. Questo studio è il primo studio che ha mostrato l'impatto psicologico del Covid-19 nei farmacisti di comunità durante il periodo di lockdown. Sulla base di questionari convalidati da autovalutazione, fino al 35% dei farmacisti ha segnalato disturbi psicologici. Questo segnala la necessità di sviluppare interventi per promuovere il benessere psicologico degli operatori sanitari.

Cristoforo Zervos
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO