Sanità

mar232020

Covid-19. Muore un altro farmacista: due lutti in pochi giorni. Altri contagi nelle farmacie

Covid-19. Muore un altro farmacista: due lutti in pochi giorni. Altri contagi nelle farmacie

È il secondo lutto in pochi giorni per i farmacisti legato all'epidemia Covid-19: scomparso Raffaele Corbellini, collega che esercitava nella comunità lodigiana

È il secondo lutto in pochi giorni per i farmacisti: è scomparso Raffaele Corbellini, collega che esercitava nella comunità lodigiana. A darne notizia è la Federazione degli ordini dei farmacisti che esprime il cordoglio attraverso le parole del presidente della Fofi e dell'Ordine dei Farmacisti di Milano, Lodi e Monza Brianza Andrea Mandelli. Il secondo, poiché lo scorso 19 marzo si è appreso che del decesso del titolare della farmacia di Saint Vincent, in Valle Aosta, il dottor Lorenzo Repetto.

Il cordoglio della categoria

«È la seconda volta in pochi giorni - commenta Mandelli - che la nostra professione viene colpita da un lutto per il quale non ci sono parole che siano sufficienti a esprimere la vicinanza della Federazione, degli Ordini e di tutti i farmacisti, ai famigliari e a tutti coloro che rispettavano e amavano il collega Raffaele Corbellini, un riferimento insostituibile per la comunità lodigiana. Raffaele ha lavorato per la collettività fino a che ha potuto e non c'è modo migliore per rendergli l'onore che merita».

Al cordoglio si unisce anche la voce dei titolari della provincia di Milano, Monza e Lodi che lo ricordando così: "Raffaele era sempre presente ogni volta che lo chiamavamo. Con il suo fare autentico e sincero sapeva sorridere e sdrammatizzare. Ci mancherà molto perché era un farmacista curioso ed intraprendente, un collega prezioso con il quale il confronto era sempre utile". «A nome di tutte le farmacie, porgo le più sentite condoglianze alla famiglia di Raffaele Corbellini, stimato farmacista e collega - ha detto Annarosa Racca, Presidente di Federfarma Lombardia -. Siamo molto vicini alla famiglia in un momento così difficile e lo ricorderemo con profonda riconoscenza per tutto quello che ha donato alla comunità, per la sua professionalità e per il suo grande impegno».


Fofi: si vada in farmacia solo per importanti motivi di salute

Mandelli ricorda l'attuale impegno dei farmacisti italiani che «nelle farmacie di comunità come nelle strutture del Servizio sanitario, stanno svolgendo il loro ruolo al massimo delle possibilità, ma devo ribadire un messaggio ai cittadini: la farmacia è un presidio sanitario in cui ci si deve recare solo per motivi importanti, come procurarsi i farmaci per le malattie croniche e per gli eventi acuti. È una precauzione fondamentale per tutelare la salute di tutti: dei farmacisti e delle persone che si rivolgono a loro». Il presidente della Fofi ricorda, infine, le regole fondamentali per contenere la diffusione del Covid-19: «Rispettare tassativamente la distanza di sicurezza e a seguire le indicazioni del personale per l'accesso ordinato nei locali delle farmacie. In sostanza chiedo ai cittadini di aiutarci ad assisterli nel modo migliore: da questa emergenza potremo uscire solo con la massima collaborazione di tutti».

Il 9% dei casi sono operatori sanitari. Casi anche tra farmacisti

I casi di contagio, lo dicono i dati dell'Istituto superiore di sanità, richiamati oggi da un comunicato del Gimbe, sono elevati tra gli operatori sanitari: "in Italia dall'inizio dell'epidemia sono 4.824 i professionisti sanitari che hanno contratto un'infezione da coronavirus, pari al 9% del totale delle persone contagiate, una percentuale più che doppia rispetto a quella della coorte cinese dello studio pubblicato su Jama (3,8%)". Secondo il Gimbe, inoltre, data la "mancata esecuzione dei tamponi a tutti i professionisti e gli operatori sanitari, il numero ufficiale fornito dall'Iss è ampiamente sottostimato".
In assenza di dati ufficiali colpiscono però i casi riportati dalle cronache locali. In una frazione del comune di Cortona, in provincia di Arezzo, la titolare ultrasessantenne di una farmacia è ricoverata come pure il marito di una dipendente della stessa farmacia. La cronaca locale riporta che sono stati immediatamente attivati tutti i protocolli per ricostruire le catene di contatti e disporre le quarantene e il sindaco di Cortona ha deciso di emanare una ordinanza e chiudere l'esercizio commerciale. Contagiato anche un farmacista di un comune della provincia di Perugia. Nella zona di Bergamo, sempre come riportano le cronache locali, tre farmacie nel comprensorio risultano chiuse perché tutto il personale è stato trovato positivo al virus.
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO