Sanità

mag272020

Covid-19, parafarmacie: permangono disparità, vicenda mascherine non è finita

Covid-19, parafarmacie: permangono disparità, vicenda mascherine non è finita

Sulla questione delle mascherine i farmacisti che lavorano in parafarmacia rilevano ancora criticità nel sistema e denunciano una disparità di gestione rispetto alle farmacie

Nella vicenda delle mascherine non tutto è ancora fluido e risolto per tutti i farmacisti, quelli che operano in parafarmacia rilevano ancora criticità in un sistema che non "è ancora a regime" e in alcuni casi denunciano una disparità di gestione delle mascherine rispetto alle farmacie.
A segnalare un diverso trattamento sono le parafarmacie toscane rappresentate da Movimento nazionale liberi farmacisti, Federazione nazionale parafarmacie italiane e Confederazione unitaria libere parafarmacie italiane.

In Toscana nessun accordo con le parafarmacie

Le sigle riportano che "Regione Toscana aveva stipulato un contratto con Federfarma per consentire la distribuzione delle mascherine gratuite alle sole farmacie presenti nel territorio regionale", le parafarmacie di sono offerte "in circa 320, per distribuire mascherine gratuite della Regione al fine ampliare la rete a disposizione dei cittadini con un aumento di circa il 25% in più di punti vendita, questo per evitare che ci fossero pericolosi assembramenti per acquisire le mascherine". La Regione ha rifiutato sulla base di "problemi di compatibilità con il software utilizzato e di proprietà di Federfarma" e alla "proposta di una soluzione alternativa" non c'è stata risposta ma "ora le notizie riferiscono che forse la distribuzione verrà affidata alle edicole, proprio per gli assembramenti verificatesi nelle farmacie". "Perplessità nascono spontanee - scrivono le parafarmacie - sul perché la Regione non abbia compreso le parafarmacie nella distribuzione delle mascherine, ove ripetiamo opera un farmacista in grado di dare tutte le informazioni sull'uso corretto delle mascherine, e le abbia di fatto escluse" e chiedono "i chiarimenti che la Regione dovrebbe fornire su ciò che sta accadendo e perché".

Covid ha peggiorato emergenza sindacale delle parafarmacie

A riportare criticità sono anche le parafarmacie rappresentate dall'Unaftisp: "Facendo il punto della situazione, non siamo ancora a regime nel reperimento delle mascherine, ancora praticamente introvabili, per non parlare degli altri dpi". Lo scrive il presidente Daniele Viti in una nota riportando l'attenzione sull'irrisolta questione delle parafarmacie: "Se prima del Covid ci si trovava con un'emergenza sindacale che portava a molte chiusure delle nostre attività ora che dovremo affrontare anche una grave crisi economica possiamo già cantare in anticipo il "de profundis". Noi abbiamo fatto la nostra parte nell'emergenza sanitaria, nonostante le armi spuntate, dovute ad una legge iniqua, con cui abbiamo dovuto operare. Abbiamo messo in campo quella professionalità che ha rappresentato per molti un punto di riferimento per la salute nelle varie città d'Italia. Oggi rivendichiamo ancora con maggior forza che ci venga riconosciuto questo ruolo sanitario e sociale attraverso una riforma del sistema che elimini questi "due pesi e due misure" legati alla stessa laurea, e agli stessi percorsi professionali. Il nostro appello è rivolto a tutti, Fofi, Federfarma ed altre associazioni affinché in uno spirito di collaborazione e di responsabilità si trovi una soluzione condivisa nel rispetto delle parti".
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO