Sanità

set202016

Cronicità e sclerosi multipla. I neurologi: fare rete con farmacisti

Cronicità e sclerosi multipla. I neurologi: fare rete con farmacisti
Evitare l'istituzionalizzazione il più possibile e favorire la domiciliarità: questa la direzione nella quale deve andare l'assistenza al paziente cronico secondo Paola Pisanti, coordinatrice del gruppo di lavoro sulle cronicità al Ministero della salute. Se ne è parlato oggi a Roma in occasione dell'incontro "La cronicità ad alta complessità: nuova sfida per il Ssn". In questo contesto «il servizio di informazione e sensibilizzazione che il farmacista può effettuare è prezioso - afferma il presidente della Società italiana di neurologia Leandro Provinciali - per questo motivo la lotta per una più valida assistenza ai pazienti cronici ci vede vicini, un'unione che stiamo declinando anche a livello nazionale. Il mondo neurologico, così come ha sviluppato un ponte tra i vari centri ospedalieri e il territorio, ora sta cercando di gestire, nell'ambito dell'ospedale e nell'ambito del territorio, i rapporti con i farmacisti che per noi sono un elemento qualificante che consente di potenziare e amplificare l'appropriatezza delle cure, il corretto utilizzo dei farmaci e il risparmio per il Ssn».

Durante l'incontro promosso dal Multiple Sclerosis Management Lab - vero e proprio laboratorio sui temi di management per la sclerosi multipla, nato nel 2013 dalla collaborazione tra SDA Bocconi e Biogen Italia - sono stati presentati 10 testi sulla sclerosi multipla che, come una sorta di linee guida, sono stati formulati con lo scopo di migliorare le risposte ai problemi posti dalla patologia che «rappresenta una sorta di stress test all'interno del Ssn perché la corte di pazienti è molto eterogenea - afferma Valeria Tozzi, docente della Sda Bocconi School of management - il portafoglio di bisogni di questa coorte di pazienti è molto ampio, tocca ospedale, territorio, il sociale e fa riferimento a quella varietà di bisogni che insorgono in età giovanile a cui i sistemi universalistici riescono a rispondere meglio di altre tipologie di sistemi. Se il nostro sistema riuscirà a trovare delle risposte adeguate per la sclerosi multipla, questo paradigma potrebbe diventare un riferimento estendibile ad altre patologie croniche complesse».

Attualmente «stiamo lavorando con i sindacati e con i farmacisti, in particolare con la Fofi - spiega Enrico Desideri, Direttore aziendale area vasta sud-est, Regione Toscana - le farmacie territoriali sono capillarizzate sul territorio come nessun presidio del Ssn può garantire. Il farmacista ha un'autorevolezza indiscutibile nella comunità di appartenenza e può svolgere, sempre raccordato all'interno della rete, attività e servizi laddove non arriva il Ssn. Se pensiamo alla cronicità c'è il tema dell'aderenza, degli effetti avversi dei farmaci che rappresentano la sesta causa di ricovero e secondo Aifa più di un milione di italiani sono in terapia con più di 5 molecole di fascia A contemporaneamente».

Basti pensare che, per quanto riguarda la Sclerosi multipla, «il 30% dei pazienti oggi non sono presi in carico dai centri clinici - afferma Paolo Bandiera, Direttore Affari Generali dell'Associazione Italiana Sclerosi Multipla - lì il farmacista diventa veramente il baluardo e il presidio della componente sanitaria quindi bisogna seriamente lavorare su questi approcci».

Il 15 settembre la Conferenza Stato-Regioni ha approvato il piano nazionale cronicità che era stato trasmesso dal Ministero della salte il 22 luglio scorso. Tra gli aspetti trasversali del piano che devono essere presi in considerazione Pisanti ha sottolineato «il ruolo delle farmacie come intermediario tra la popolazione e il medico, non una farmacia che si sovrappone al ruolo del medico ma che è vicino ai bisogni e che forse riesce a recepire prima di tutti quali sono i problemi».

Attilia Burke
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Garattini S., Bertelè V. Farmaci sicuri
vai al download >>

SUL BANCO