Sanità

giu152020

Cure di base, Ocse: nuovo modello è team con medici, infermieri, farmacisti e Oss

Cure di base, Ocse: nuovo modello è team con medici, infermieri, farmacisti e Oss

Nell'assistenza sanitaria di base ci sono esperienze promettenti con team multiprofessionali formati da medici, infermieri, farmacisti e operatori sanitari, perfettamente integrati con servizi di assistenza specializzati

L'assistenza sanitaria di base salva vite e fa risparmiare risorse se è fonte di cure che soddisfano la maggior parte delle esigenze dei pazienti, nella maggior parte dei paesi Ocse questo potenziale non si è ancora realizzato ma ci sono esperienze promettenti in cui la riconfigurazione delle cure di base con team multiprofessionali formati da medici, infermieri, farmacisti e operatori sanitari della comunità, e dotati di tecnologia e perfettamente integrati con servizi di assistenza specializzati, possono fornire cure più efficaci. È quanto emerge dal report Realising the potential of primary health care, pubblicato dall'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) che sottolinea come la pandemia Covid-19 abbia reso ancora più pertinenti questi messaggi soprattutto per "aumentare la capacità dei sistemi sanitari dell'Ocse di contenere e gestire una futura crisi sanitaria e ridurre ricoveri non necessari di pazienti che possono essere trattate efficacemente sul territorio. Cure primarie moderne ed efficiente sono la pietra angolare dei sistemi sanitari resilienti".

Più incentivi economici per lavorare in team: pay-for-performance

La pandemia Covid-19 infatti, ha, "in molti casi, accelerato l'implementazione di innovazioni promettenti nell'assistenza sanitaria di base e ha promosso lo sviluppo di pratiche a livello nazionale e locale, come l'espansione del ruolo di infermieri e farmacisti, le soluzioni digitali per monitorare lo stato di salute, facilitare l'accesso alle cure e l'utilizzo delle infrastrutture di informazione sanitaria per la sorveglianza delle malattie. Promuovere la continuità di queste pratiche - si legge nel report - e la loro più ampia adozione nei Servizi sanitari, sposta il sistema alla fase di recupero dalla pandemia e rende i sistemi sanitari più resilienti alla crisi sanitaria". In tutti i paesi dell'Ocse, si stanno sperimentando nuovi modelli di assistenza di basr e aumentano le evidenze su come possano dare maggiore efficacia all'assistenza di base, ma sono esperienze al livello locale o su piccola scala, e non hanno ancora raggiunto il pieno potenziale per un sistema trasformazione delle cure.
Il rapporto evidenzia le modifiche necessarie:
In primo luogo, in tutto l'Ocse, il futuro dell'assistenza sanitaria di base riguarderà nuovi modelli di assistenza diverso dal medico single-practice, che risponde principalmente a episodi acuti di cure, e lavorare in isolamento da una rete di servizi. Gli sviluppi politici più promettenti "sono la creazione di nuove configurazioni di assistenza, che ospitano più professionisti con competenze avanzate che lavorano in gruppo, supportate dalla tecnologia digitale per consentire un coordinamento senza soluzione di continuità delle cure e che sono attivamente impegnati nella prevenzione e adattate alle esigenze della popolazione che assistono". In secondo luogo, sono necessari incentivi economici per incoraggiare l'assistenza sanitaria di base a lavorare team e concentrarsi sulla prevenzione e la continuità delle cure, in particolare per i pazienti con malattie croniche condizioni e grande attenzione al coordinamento delle transizioni assistenziali. In tutti i paesi dell'Ocse, sono in atto per fornire una migliore remunerazione o incentivi economici in base alle prestazioni fornite dagli operatori sanitari delle cure primarie. Nel 2018, 11 paesi Ocse, tra cui Israele, Messico e il Regno Unito hanno riferito di aver utilizzato specifici pagamenti aggiuntivi per incentivare il coordinamento delle cure, le attività di prevenzione o la gestione attiva delle malattie croniche e 15 paesi, come il Cile e i Paesi Bassi, hanno riferito di utilizzare meccanismi pay-for-performance (pagamento-per-performance) nella salute primaria cura. In terzo luogo, il futuro dell'assistenza sanitaria di base dipende sempre più dal dare un ruolo più ampio ai pazienti. In parte, ciò include il coinvolgimento dei pazienti nella coproduzione della loro salute, attraverso una migliore supporto all'autogestione delle loro condizioni ed esposizione a fattori di rischio. Gli strumenti digitali possono suonare un ruolo significativo in questo contesto.

Cure di base forti rendono i sistemi sanitari più efficaci, efficienti e equi

Un'assistenza sanitaria primaria migliore e più accessibile, così la descrive il report, si traduce in tassi più bassi di ricoveri e di ricorso al Pronto soccorso e può prevenire procedure non necessarie, può ritardare l'insorgenza di malattie croniche e ridurre i tassi di mortalità, inoltre ha un ruolo nella prevenzione. Inoltre "è anche associata a meno disparità di salute" perché "può garantire l'accesso a popolazioni vulnerabili che altrimenti potrebbero avere difficoltà ad accedere ai servizi".

(SZ)
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO