Diritto

giu302021

Danni da assunzione farmaci. La prova liberatoria è a carico dell'azienda farmaceutica

Per escludere la responsabilità in caso di danni da farmaci, l'impresa farmaceutica è tenuta a dimostrare di avere osservato i protocolli di sperimentazione previsti dalla legge

Danni da assunzione farmaci. La prova liberatoria è a carico dell’azienda farmaceutica
Ai fini della prova liberatoria, idonea a escludere la responsabilità prevista dall'articolo 2050 del codice civile ossia la responsabilità per l'esercizio di attività pericolose in relazione ai i danni conseguenti alla produzione e immissione in commercio di farmaci, l'impresa farmaceutica è tenuta a dimostrare di avere osservato, prima della produzione e immissione sul mercato del farmaco, i protocolli di sperimentazione previsti dalla legge, e di avere fornito un'adeguata informazione circa i possibili effetti indesiderati dello stesso, aggiornandola - se necessario - in relazione all'evoluzione della ricerca.


Azienda condannata a risarcire i danni subiti da un paziente

La corte d'appello di Milano ha confermato la sentenza di primo grado con la quale è stata decisa la condanna di una impresa farmaceutica a risarcire i danni patrimoniali e non patrimoniali subiti da un paziente a seguito della assunzione di un medicinale che aveva prodotto effetti collaterali incontrollabili tra cui ludopatia ed ipersessualità cagionando notevoli sconvolgimenti nella vita del soggetto. La conoscenza anche extraeuropea di dati clinici e correlati studi scientifici sui rischi di effetti collaterali come quelli indicati nel processo ben prima che il paziente assumesse il farmaco, rileva sul piano della valutazione delle argomentazioni difensive e degli elementi di prova.

Avv. Rodolfo Pacifico - www.dirittosanitario.net
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO