Sanità

mar192016

Ddl concorrenza, Barra (Walgreens Boots Alliance): anacronistico avere paura del capitale

Ddl concorrenza, Barra (Walgreens Boots Alliance): anacronistico avere paura del capitale
È anacronistico avere paura del capitale. Oggi, per dare sostenibilità al sistema, è più che mai necessario agire insieme in una dimensione macroeconomica. Lo ha detto Ornella Barra, (foto) Executive Vice President di Walgreens Boots Alliance e President and Chief Executive of Global Wholesale and International Retail, durante la tavola rotonda sul ddl concorrenza e le iniziative in campo, svoltasi a FarmacistaPiù in corso a Firenze. «Quando si teme qualcosa è perché si pensa di poterlo affrontare» ha detto «e se il timore è che compreremo tutte le farmacie, l'invito che faccio è a guardare alle cose nella loro realtà. E ci sono i numeri che parlano. In un paese come l'Inghilterra precursore delle catene con una tradizione di 160 anni oggi ci sono 12mila farmacie di cui 6 mila indipendenti. Quindi il farmacista può se vuole poter restare indipendente, non è obbligato a vendere la sua farmacia, ma per avere sostenibilità economica deve avere anche flessibilità, adattabilità. E per farlo serve una dimensione macroeconomica che è richiesta dall'attuale evoluzione. Siamo nella piena globalizzazione e ciò significa poter entrare in una qualsiasi farmacia, indipendente che però fa rete a livello europeo, e poter usufruire di un servizio di un certo tipo, in base alle norme vigenti, dallo screening sui nei alla diagnostica. Ma perché siano adeguati alla richiesta deve esserci un macrosistema che li crea e li mette al servizio del farmacista». Nessun timore, secondo Ornella Barra, «anche nei confronti del ddl concorrenza. Se si presenterà con la giusta logica e con chiarezza, consentirà al farmacista di scegliere e di restare indipendente. Si parla di paletti ma che non siano paletti per tutelare un sistema che non funziona più. Auspichiamo che il decreto abbia la stessa stesura del disegno di legge. Il tempo è molto poco, i cambiamenti economico-finanziari sono profodni e la farmacia italiana è in sofferenza. A volte il tempo gioca a favore, in questo caso non gioca a favore del farmacista».

Simona Zazzetta


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Schramm - La farmacia online
vai al download >>

SUL BANCO