farmaci

ott92014

Ddl concorrenza, prime conferme dal ministero. Racca: misure superate dai fatti

Ddl concorrenza, prime conferme dal ministero. Racca: misure superate dai fatti
Le proposte contenute nella prima bozza del Ddl concorrenza su cui è al lavoro il ministero dello Sviluppo economico «non tengono conto dell'attuale contesto normativo ed economico». Lo sottolinea il presidente di Federfarma Annarosa Racca commentando le anticipazioni pubblicate ieri da Farmacista33, confermate da fonti ministeriali. Il documento del Mise si ispira alle segnalazioni dell'Antitrust 2014, nella quale l'authority per la concorrenza sottolineava come in tema di distribuzione farmaceutica occorrerebbe «superare il sistema di contingentamento del numero di farmacie presenti sul territorio nazionale», «trasformando l'attuale numero massimo di farmacie in numero minimo». E proprio questo aspetto secondo Racca è discutibile trattandosi di posizioni «abbondantemente superate dai fatti». Il presidente di Federfarma si riferisce alle sentenze della Corte costituzionale e della Corte di Giustizia Ue che hanno stabilito come «il sistema italiano vada benissimo, rispetti l'ordinamento Ue e garantisca un'efficiente tutela della salute, con una presenza capillare delle farmacie sul territorio nazionale». In più, continua Racca, «ci sono i concorsi di cui tenere conto, con le relative assegnazioni di sedi, che dalla Toscana alla Puglia hanno cominciato il loro iter». E mentre il presidente Fofi Andrea Mandelli preferisce non commentare le indiscrezioni, in rete si è già acceso il dibattito tra chi spera che il ministro della Salute Lorenzin «capisca l'assurdità della proposta e la fermi» e chi spera «sia la volta buona» per liberalizzare le farmacie.

Marco Malagutti

discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Garattini S., Bertelè V. Farmaci sicuri
vai al download >>

SUL BANCO