Sanità

apr282016

Ddl Lorenzin, d'Ambrosio Lettieri: con riforma Ordini si supera una legge obsoleta

Ddl Lorenzin, d’Ambrosio Lettieri: con riforma Ordini si supera una legge obsoleta
Riforma degli Ordini delle professioni sanitarie, riconoscimento delle professioni di biologo e psicologo nell'ambito di quelle sanitarie; disciplina dei percorsi formativi e delle attività di osteopata e chiropratico, inserimento del parto indolore nei Lea e delega al Governo per la revisione della disciplina in materia di sperimentazione clinica dei medicinali per uso umano. Sono questi i contenuti principali che, sottolinea il sen. Luigi d'Ambrosio Lettieri (CoR), componente Commissione Sanità del Senato, «fanno del Ddl Lorenzin un concreto passo in avanti nella governance del sistema sanitario» auspicando che il libera della Commissione Sanità del Senato sia il segno di un percorso «il più rapido possibile».

Secondo d'Ambrosio Lettieri, il Ddl Lorenzin è «una buona notizia per una estesa platea di operatori della sanità e, più in generale, per il sistema Paese al cui sviluppo sociale ed economico concorrono anche centinaia di migliaia di professionisti della salute. Gli effetti maggiormente significativi di questa legge, una volta approvata in via definitiva dai due rami del Parlamento, riguarderanno l'intera comunità che avrà maggiori garanzie e tutele per la qualità e l'appropriatezza delle prestazioni professionali. Infatti un capitolo di assoluto rilievo riguarda la riforma degli Ordini delle professioni sanitarie. Con riferimento sia a quelle storiche di medico chirurgo e odontoiatra, veterinario, farmacista, infermiere e ostetrica, che a quelle di biologo e psicologo, oltre a quelle di nuova istituzione». Il senatore ricorda che si è a lungo dibattuto sulla «effettiva utilità e funzione degli Ordini professionali».

Da una parte «chi sosteneva la necessità di abolire gli Ordini professionali perché ritenuti ormai anacronistici e frutto di un retaggio culturale superato quando addirittura dannoso per la libertà di esercizio della professione. Dall'altra c'era invece chi ne sosteneva la conservazione, ma a condizione di adeguarne la funzione pubblicistica di garanzia effettiva per la collettività, attraverso un sostanziale ammodernamento del quadro normativo di riferimento».

«Oggi» afferma d'Ambrosio Lettieri «possiamo affermare che ha prevalso la seconda ipotesi e personalmente ne prendo atto con viva soddisfazione. Il Parlamento, infatti, ha messo mano alla legge che disciplina gli Ordini delle professioni sanitarie risalente al 1946 e al relativo regolamento del 1951. Dopo settant'anni, il lavoro in Commissione ha consentito di superare e correggere un impianto normativo datato, obsoleto, lacunoso e inadeguato che aveva progressivamente indebolito la funzione degli Ordini. La definizione della natura giuridica che li identifica come enti di diritto pubblico non economico con funzioni sussidiarie dello Stato, l'assenza di oneri per il bilancio pubblico, l'allargamento della partecipazione dei professionisti rappresentati, le modalità di elezione degli organi di rappresentanza, la separazione della funzione di rappresentanza da quella disciplinare con la istituzione degli uffici istruttori, la partecipazione ai sistemi di adeguamento del patrimonio dei saperi attraverso il progetto di formazione continua e la revisione delle modalità di svolgimento degli esami di abilitazione, costituiscono aspetti importanti della Riforma che restano garanzia di qualità professionale a tutela della salute dei cittadini».


Simona Zazzetta
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Raccomandazioni sulla gestione della rinite allergica in farmacia
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Ascioti - Reparto dermocosmetico - Guida al cross-selling
vai al download >>

SUL BANCO