Fisco e tributi

mag292012

Deducibilità Irap e conseguente rimborso

Il decreto Monti ha previsto una nuova e diversa modalità di deduzione dalle imposte personali sui redditi dell’Irap relativa alle spese per il personale dipendente ed assimilato. In alcuni casi si ha diritto al rimborso anche per il passato

Come è noto, con il D.L. n. 185/2008 (cd. "decreto anticrisi") fu introdotto un parziale meccanismo di deduzione dalle imposte personali sui redditi (irpef e ires) di una quota dell'irap relativa al costo del lavoro e degli oneri finanziari netti, prima d'allora totalmente indeducibile.L'art. 2 del cosiddetto "decreto Monti" (decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201) ha previsto, dal periodo d'imposta 2012 in avanti, una nuova e diversa modalità di deduzione dalle imposte sui redditi dell'irap relativa alle spese per il personale dipendente ed assimilato. Tale positiva (per quanto ancora parziale) diminuzione del carico fiscale collegato all'imposta trova un effetto positivo anche per il passato. L'art. 4, comma 12, del decreto legge 2 marzo 2012 n. 16 (cosiddetto decreto semplificazioni fiscali) ha introdotto infatti la possibilità di ottenere il rimborso dell'irap relativa al personale dipendente che sia stata versata negli anni precedenti a quello attualmente in corso, presentando apposita istanza. Il diritto al rimborso dell'imposta, tuttavia, è sottoposto ad alcuni limiti. Anzitutto, il diritto spetta soltanto in relazione ai versamenti irap per i quali, alla data dell'entrata in vigore del decreto legge 201/2011(2 marzo 2012), non sia ancora decorso il termine di decadenza di 48 mesi di cui all'art. 38 d.P.R. 602/1973. Potrà quindi essere chiesto a rimborso il valore dell'irap relativa al personale dipendente versata nel periodo compreso tra il 2 marzo 2008 e il 2 marzo 2012. Un ulteriore limite al rimborso è dettato dal citato art. 2, primo comma, del decreto 201/2011. La norma chiarisce che non tutta l'irap versata potrà essere restituita, bensì solo la quota parte di essa riferita alle spese per il personale effettivamente dedotte e, quindi, al netto di eventuali oneri già dedotti in sede di ordinaria determinazione del tributo (ad es.: contributi per le assicurazioni obbligatorie contro gli infortuni, contributi previdenziali dei lavoratori dipendenti a tempo indeterminato, ecc.). Sotto il profilo soggettivo, invece, è da ritenere che, in ragione di alcuni richiami normativi contenuti nel "decreto semplificazioni", non vi siano limitazioni determinate dalla forma giuridica adottata dai soggetti obbligati al pagamento dell'imposta che ne chiedono il rimborso. La descritta disciplina sulla deduzione dell'irap presenta certamente alcune lacune che dovranno essere colmate con un provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Entrate in corso di emanazione, cui lo stesso decreto semplificazioni rinvia. Di tali lacune preme evidenziare, in particolare, quella determinata dallo scarso coordinamento (con conseguente incertezza circa la altrimenti sicura coesistenza) tra la deduzione prevista dal citato art. 4 del decreto semplificazioni e quella del citato decreto anticrisi del 2008.

Rubrica a cura dello studio Furlotti Del Bue e studio legale tributario Costa-Bianchi, Parma
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Sacchetti E., Clerici M. La depressione nell'anziano
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Raccomandazioni sulla gestione della rinite allergica in farmacia
vai al download >>

SUL BANCO