Diritto

ott302012

Denominazioni e simboli distintivi delle parafarmacie

È ammesso l’utilizzo della croce purchè non sia di colore verde e della denominazione «Parafarmacia»

Il fatto
È illegittimo il rigetto della richiesta di autorizzazione all’installazione di un croce con impianto luminoso di colore blu con la scritta «Parafarmacia»: il Tar del Lazio ha confermato le ragioni della titolare dell’esercizio commerciale che si è vista opporre dal Comune un diniego all’installazione di impianti pubblicitari fondato sull’erronea interpretazione di una delibera regionale  e della disciplina legislativa in materia.
La vicenda è stata originata da una istanza avanzata dalla titolare di una autorizzazione amministrativa per l’esercizio dell’attività di parafarmacia di poter installare all’esterno dei locali commerciali una croce bifacciale illuminata da led di colore blu con al centro la scritta «Parafarmacia».

Il dirittto
Sul piano normativo è vietato l’utilizzo di denominazioni e simboli che siano potenzialmente idonei ad indurre i consumatori in equivoco circa la natura di sede farmaceutica propria dell’esercizio. Tale equivoco può individuarsi nel contestuale utilizzo delle denominazione «farmacia» e della croce di colore verde. L'utilizzo della denominazione «Parafarmacia» e di una croce di diverso colore, come il colore blu, per un verso non è vietata dalle fonti normative, dall'altro, non appare idonea ad ingenerare alcuna confusione nei consumatori ai fini dell'individuazione della esatta tipologia di servizio. 

Esito del giudizio
Il collegio ha accolto il ricorso proposto dalla titolare dell’esercizio destinataria del diniego.
[Avv. Rodolfo Pacifico – www.dirittosanitario.net]

Tar Lazio 12 settembre 2012


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Sacchetti E., Clerici M. La depressione nell'anziano
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Raccomandazioni sulla gestione della rinite allergica in farmacia
vai al download >>

SUL BANCO