FORMAZIONE

mar32014

Dismenorrea: inquadramento e terapia

Con il termine dismenorrea si indica il dolore periodico associato al ciclo mestruale. Si distingue in dismenorrea primaria, quando sono assenti alterazioni dell'apparato riproduttivo, e dismenorrea secondaria od organica se invece esiste una condizione patologica sottostante, dimostrabile, responsabile del sintomo. 

Caratteristiche
La dismenorrea è un sintomo molto comune tra le donne fertili, soprattutto le più giovani. Colpisce dal 15 al 60% della popolazione femminile, inizia con l'adolescenza e tende a diminuire con l'età o dopo la prima gravidanza. La durata e l'intensità del dolore possono essere molto variabili, in base alla soglia di tolleranza, fino a toccare livelli tali da interferire con lo svolgimento delle normali attività quotidiane; il 15% circa delle donne soffre di una forma di dismenorrea invalidante che richiede un intervento medico o farmacologico. 

Sintomi
Il dolore mestruale è di tipo crampiforme, localizzato nella parte inferiore dell'addome oppure sordo e continuo. A volte si irradia anche a perineo, ano, vulva, schiena e gambe. Compare qualche ora prima dell'inizio della mestruazione e si protrae per 3-4 giorni, con un picco nelle prime 24 ore. Nella dismenorrea secondaria il dolore può durare più a lungo e presentarsi anche in altri momenti del ciclo ed essere accompagnato da nausea, diarrea, stipsi, cefalea, irritabilità e spossatezza. 

Cause
Nella dismenorrea primaria legata a cicli ovulatori il dolore deriva dalle contrazioni dell'utero mediate dall'alta concentrazione di prostaglandine, prodotte dall'endometrio, che esasperano l'attività contrattile e favoriscono la sensibilizzazione delle fibre nervose agli stimoli meccanici. Tra i fattori di rischio possono esserci la conformazione dell'utero, la dimensione dell'orifizio uterino, alti livelli di vasopressina, la sedentarietà e l'ansia legata alle mestruazioni. Le cause più frequenti di dismenorrea secondaria sono invece legate a patologie dell'apparato genitale interno come l'endometriosi, la presenza di un fibroma sottomucoso, di un polipo endometriale, di aderenze pelviche o all'uso di spirale (Iud). 

Terapia
Il primo passo è valutare gravità, durata, localizzazione del dolore e impatto sulla vita della paziente. Dopo aver escluso patologie organiche secondarie con esami strumentali (ecografia transvaginale), data la natura del disturbo i farmaci più efficaci nella forma primaria sono gli inibitori della sintesi delle prostaglandine come ibuprofene, naprossene e simili. A volte sono utili gli spasmolitici. L'obiettivo è la scomparsa del dolore ma va tenuto conto che il trattamento può prolungarsi nel tempo e avere effetti indesiderati. Come terapia preventiva è possibile impiegare un contraccettivo orale estroprogestinico. L'endometriosi e altre condizioni responsabili di dismenorrea secondaria possono essere corrette per via chirurgica (polipectomia etc.). 

Domande essenziali: il dolore compare tutti i mesi ed è sempre associato al flusso mestruale? Tende a irradiarsi e a mutare di intensità col passare dei giorni? Soffre di endometriosi? 

Caso clinico
Alessia ha 24 anni e soffre di dismenorrea da quando era ragazza. È tendenzialmente contraria ad assumere farmaci ma a volte il dolore è così forte da costringerla ad assentarsi dal lavoro.
In caso di dismenorrea, quando va assunto l'antinfiammatorio (ibuprofene, naprossene...) per ottenere la risposta terapeutica migliore? Clicca qui per rispondere.


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Sacchetti E., Clerici M. La depressione nell'anziano
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Raccomandazioni sulla gestione della rinite allergica in farmacia
vai al download >>

SUL BANCO