Sanità

ago22018

Distribuzione farmaci, Grillo: Parlamento è sede per trovare equilibrio tra le istanze

Distribuzione farmaci, Grillo: Parlamento è sede per trovare equilibrio tra le istanze
Governance farmaceutica e «vendita e distribuzione sul territorio dei farmaci attraverso farmacie e parafarmacie» sono i due aspetti di un argomento complesso di cui si occuperà il Governo: c'è un tavolo dedicato appena insediato, ci sarà un approfondimento parlamentare, ma il Parlamento è la sede corretta per trovare equilibrio tra le istanze. È quanto ha affermato il ministro Giulia Grillo stamane nel seguito delle comunicazioni sulle linee programmatiche del dicastero, davanti ai parlamentari delle commissioni Affari sociali e Igiene e Sanità in cui ha risposto alle domande poste nella prima audizione.

«Governance e distribuzione farmaceutica sono temi che affronteremo - ha ribadito il ministro rispondendo a una domanda che era stata posta - Ieri si è insediato un Tavolo dedicato e come annunciato dalla collega Lorefice (presidente della Commissione Affari sociali, ndr.) ci sarà un approfondimento parlamentare. Il tema dei farmaci presenta tutta la parte di governance e poi la parte legata a vendita e distribuzione sul territorio attraverso farmacie e parafarmacie, finora oggetto di ritocchi, che richiede un approccio sistematico. È giunto il momento di affrontare il tema in maniera sistemica e il Parlamento è la sede corretta in cui tutti possono portare il proprio punto di vista. L'argomento è complicato e sarà importante cercare di trovare un equilibrio tra le istanze». Tra i temi toccati nelle risposte anche il finanziamento del Servizio sanitario, su cui il ministro ha confermato «l'intenzione da parte di questo Governo di voler aumentare i Fondi per il Servizio sanitario nazionale» con copertura anche di «quelle risorse - circa 600 milioni - mancanti per l'effettivo avvio dei nuovi Livelli essenziali di assistenza».

Specificando: «Non potremo fare tutto nella prima finanziaria, non lo abbiamo mai detto e saremmo stati degli stolti a farlo». In arrivo anche le nomine Aifa: «Conclusi i termini del bando pubblico per la selezione del nuovo Direttore Generale dell'Aifa. In questa prima fase abbiamo preferito non rendere noti i nomi per evitare possibili interferenze. In ogni caso verranno comunicati prossimamente». Infine il ministro è tornata anche sull'argomento cannabis terapeutica e "light": «Sono argomenti tra loro totalmente differenti, non vanno confusi non esiste la cannabis "terapeutica light". I negozi di libera vendita di prodotti a base di canapa sono frutto di un vulnus normativo della legge sulla canapa a uso industriale, questo è un problema complesso che dovremo affrontare insieme ad altri Ministeri come quello dello Sviluppo economico».

Sul fronte della produzione di cannabis terapeutica presso Istituto chimico farmaceutico militare di Firenze, il ministro ha detto: «Al momento non c'è molto personale operante presso quella struttura, sono circa 80 tra personale civile e militare e non si riesce così ad avere la possibilità di grandi produzioni di cannabis così come di farmaci orfani. In questo senso vorremo aiutarli a migliorare. Nel mentre per far fronte alle possibili carenze sono stati richiesti maggiori approvvigionamenti all'Olanda».
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Garattini S., Bertelè V. Farmaci sicuri
vai al download >>

SUL BANCO