Sanità

gen252017

Domani sciopero in Emilia Romagna. Accordo della Regione congelato in extremis

Domani sciopero in Emilia Romagna. Accordo della Regione congelato in extremis
Riduzione della distribuzione diretta per un totale di circa 2 mln di pezzi, dei quali 700 mila destinati alla Dpc e 1 mln e 300 mila pezzi alla convenzionata, con tanto di garanzie di salvaguardia che "obbligano" le Asl a rispettare l'accordo regionale. Queste le condizioni che la Regione Emilia Romagna aveva inserito all'interno dell'ultima bozza di accordo sulla distribuzione dei farmaci, operazione per la quale erano stati messi a bilancio 5 mln e 600 mila euro. L'intento della Regione era chiaro: trovare una soluzione definitiva all'annosa questione e chetare gli animi di Federfarma regionale, scongiurando così la serrata delle farmacie prevista per domani dalle 8.30 alle 12.30. L'accordo presentato ieri ad Assofarm, ai direttori delle Asl e a Federfarma, tuttavia, sarebbe stato congelato nel giro di poco tempo a seguito dei toni adottati da Federfarma Emilia Romagna nei confronti della Regione durante la conferenza stampa di ieri, che avrebbe portato ad un irrigidimento di quest'ultima.

L'accordo aveva già trovato la piena approvazione di Assofarm che si è detta «disponibile a firmare la bozza anche subito - spiega a Farmacista33 il coordinatore regionale delle farmacie comunali dell'Emilia Romagna Ernesto Toschi - la bozza accoglie le richieste fatte da noi e da Federfarma. La Regione ha finalmente fatto una proposta che recepisce le necessità di tutti i farmacisti».

E proprio per questo motivo «noi domani non aderiamo allo sciopero - spiega Toschi - Tuttavia, ci associamo alla protesta per i ritardi con i quali sono state portate avanti le trattative per il rinnovo dell'accordo sulla dpc e, soprattutto, per i ritardi sul rinnovo degli accordi sul Farmacup, scaduti in quasi tutte le province da oltre un anno. Inoltre sollecitiamo l'avvio delle sperimentazioni sulla presa in carico dei pazienti complessi». In segno di protesta tutte le comunali esporranno volantini nei quali verranno citate le suddette motivazioni causa di scontento, ma non verrà interrotto alcun servizio. Ora resta solo da capire quale sarà la prossima mossa delle diverse parti. Attilia Burke
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Garattini S., Bertelè V. Farmaci sicuri
vai al download >>

SUL BANCO