farmaci

feb232012

Dopo chirurgia ortopedica diminuisce il ricorso ai farmaci

«I pazienti sottoposti a intervento chirurgico (protesico e artroscopico), negli anni successivi all'operazione ricorrono alle cure con minor frequenza e in maniera progressivamente decrescente rispetto al periodo antecedente l'intervento» lo sottolinea Marco D'Imporzano, presidente della dalla Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia (Siot) alla presentazione della ricerca ''Chirurgia protesica e artroscopica: overview dei dati di alcune strutture ospedaliere italiane'', condotta dalla Siot con la Società Italiana di Artroscopia (Sia). Dalla ricerca emerge come nel caso di impianti di protesi, i costi diretti della malattia nei tre anni successivi all'intervento rispetto all'anno precedente si abbattono, sia in termini di trattamenti farmacologici sia di prestazioni specialistiche, rispettivamente del 73% e del 59%. Mentre sul fronte dell'artroscopia si osserva una riduzione del costo diretto di malattia del 56% per i trattamenti farmacologici.


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO


chiudi